Ciampino, rischio annullamento per la seduta del Consiglio comunale

A causa di vizio di forma nella convocazione, la seduta del Consiglio comunale di Ciampino di martedì 30 luglio potrebbe essere annullata, con la conseguente nullità degli atti in essa adottati. Due consiglieri di opposizione, infatti, Cristian Martella e Paola Cedroni, entrambi del M5S, non hanno ricevuto convocazione formale del Consiglio Comunale.

 

Rischio annullamento per la seduta del Consiglio comunale di Ciampino

Al loro posto sono stati convocati i consiglieri pentastellati Marilena Checchi e Marco Bartolucci, che avevano dato la rinuncia alla carica di consigliere già prima del primo Consiglio. "È stato leso il diritto di due consiglieri, la convocazione è illegittima", ha affermato la consigliera d'opposizione Emanuela Colella. 

 

Ciampino, un vizio di forma potrebbe provocare l'annullamento della seduta del Consiglio comunale

Qualora i consiglieri decidessero di fare ricorso la seduta potrebbe essere annullata. Tra l'altro nel corso del Consiglio erano stati affrontati temi molto importanti, tra cui la modifica dello statuto della ASP spa. L'Amministrazione comunale sta valutando, sulla base della giurisprudenza, se dichiarare l'annullamento, l'accettazione o il rinvio della seduta.

 

Leggi anche:

Ciampino, calci e pugni per fuggire all'alt dei Carabinieri. Arrestato 42enne

Ciampino, sindaco Ballico: rammaricata per prime pagine su ricatto hard