Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Settembre 2021

Pubblicato il

Consigli per orti, giardini e…

di Redazione
di Donna Assunta Di Marzio

Con le temperature che variano di giorno in giorno (purtroppo stiamo ancora aspettando la bella stagione), le nostre piante si riempiono di afidi. Naturalmente siamo contrari agli insetticidi chimici, allora vi suggerirò un rimedio naturale per toglierli. Per chi vive in campagna suggerisco di togliere le ortiche che infestano il vostro terreno. Riempite un recipiente di circa 10 lt, mettete in ammollo due grosse manciate di ortiche, lasciatele in infusione per circa una settimana, filtrate il tutto e poi spruzzatelo sulle piante, ripetete l’operazione un paio di volte durante la settimana. Volete far diventare le vostre ortensie di un blu intenso?, basta innaffiare la pianta con una soluzione di bisolfato di ferro nella dose di cinque grammi per dieci litri di acqua se possibile piovana.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Per rivitalizzare le piante che avvizziscono, seppellite nel terreno le croste di formaggio ogni due mesi circa. Le vedrete riprendere vita miracolosamente.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La ricetta di questa settimana è abbastanza insolita. Si tratta di pomodori ripieni, ma non con il riso, bensì con delle uova.

Pomodori ripieni di uova

Per 4 persone: 4 pomodori tondi, 4 uova, 40 gr di burro, 40 gr di formaggio (pecorino dolce o grana), sale, pepe, prezzemolo e quanto basta di finocchio. Lavate i pomodori, tagliate la calotta e svuotateli. Sistemateli ben stretti in un a piccola pirofila imburrata. Sciogliete il burro e distribuitelo nei pomodori, cospargeteli di sale e pepe. Rompete l’uovo e inseritelo nel pomodoro. Distribuite sulle uova il formaggio grattugiato e le erbe tritate. Aggiustate di sale e di pepe. Nel frattempo scaldate il forno a 190°; cuocete per 20 minuti circa. Servite i pomodori appena sfornati con crostini di pane tostato tagliato a listarelle.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo