Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Novembre 2022

Pubblicato il

Covid, Sileri: “Necessario aggiornamento regole generali. Sulle tempistiche…”

di Lorenzo Villanetti
"La rimodulazione deve raggiungere il positivo completamente asintomatico e garantire una reintroduzione completa nella vita sociale"
Pierpaolo Sileri
Pierpaolo Sileri

Il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, intervenuto nella trasmissione Mattino Cinque News, condotta da Francesco Vecchi, si è espresso sulla possibilità di rimodulare la gestione di contagi e quarantene nel breve periodo. “L’obiettivo è arrivare a gestire l’ordinario – afferma il sottosegretario -, non più l’emergenze e far sì che il Green Pass non vada a schiacciare quella che è davvero l’esigenza clinica”.

“Rimodulazione regole necessaria”

“Urgente cambiare le regole a scuola? Credo che un aggiornamento delle regole generali, quindi non solo a scuola, sia necessario. Sulle tempistiche aspetterei un altro po’. Si parla tanto della differenza tra le fasce d’età, è chiaro che l’introduzione della vaccinazione (che garantisce la massima sicurezza) nella fascia 5-11 è stata introdotta più tardi rispetto alle altre fasce e questo determina un numero molto basso di studenti vaccinati. Ecco perché le regole tendono a essere differenziate”.

Omicron

“C’è però un altro fattore. Rispetto a quando si è iniziato a stabilire le prime regole, maturate nelle ultime settimane, vi sono dei cambiamenti. Su tutti la diffusione della variante Omicron, che sappiamo essere meno aggressiva per tutti, soprattutto per chi è vaccinato. Si è diffusa inoltre in una forma importantissima al punto che ha determinato per lo più tante persone completamente asintomatiche“.

Le tempistiche

“Perciò la rimodulazione deve raggiungere la persona che scopre di essere positiva ma che è completamente asintomatica, e garantire quindi una reintroduzione completa nella vita sociale. Questo non può essere fatto subito perché abbiamo ancora una consistenza della Delta. Ma vedrete che la rimodulazione avverrà probabilmente tra un paio di settimane”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo