Pubblicato il

Eurispes, 6 insegnanti su 10 insoddisfatti sistema valutazione voti

di AdnKronos
Vuoi la tua pubblicità qui?

(Adnkronos) – Circa 6 insegnanti su 10 si dichiarano insoddisfatti del sistema di valutazione basato sui voti (61%). Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, sono soprattutto gli insegnati più giovani (18-24 anni) a considerare adeguati i voti come metro di giudizio nei confronti degli alunni (66,7%). E' quanto emerge dal 2° Rapporto Nazionale sulla scuola e l'università dell'Eurispes.  Il 44,6% dei docenti è d’accordo con le critiche che vengono spesso rivolte al metodo di insegnamento diffuso in Italia, accusato di essere troppo nozionistico e mnemonico, ma poco interattivo, specie se paragonato a modelli stranieri, sebbene la maggioranza non la pensa così (55,4%). Condividono le critiche soprattutto i docenti più giovani fino ai 34 anni, nelle fasce d’età successive la tendenza si inverte. I docenti sono soddisfatti dell’autonomia nella scelta dei metodi di insegnamento (77,4%) e sentono di svolgere un ruolo cruciale nell’educazione delle giovani generazioni (76,2%). Il carico di lavoro sembra abbastanza sopportabile anche se questa non è un’opinione largamente condivisa (58,2%). Gravano invece la mancanza di opportunità di carriera e crescita professionale (82,4%), di riconoscimento dell’importanza del ruolo dei docenti da parte della società (85,5%) e, ancor più, il riconoscimento economico (91,3%). Nella scuola primaria e secondaria di primo grado il carico di incombenze burocratiche attualmente sottrae molto tempo, ma anche energie e concentrazione, al ruolo principale degli insegnanti, che dovrebbe essere quello formativo. Non emergono differenze importanti in relazione al tipo di scuola in cui i docenti insegnano. Praticamente tutti parlano di un sovraccarico dovuto alla burocrazia eccessiva: il 93,8% nella scuola primaria (per il 61,8% molto e abbastanza per il 32%), il 94% nella scuola secondaria di primo grado (per il 64,3% molto e per il 29,7% abbastanza).  Quasi la metà dei docenti vede la metà o più della propria giornata lavorativa impiegata nello svolgimento di mansioni amministrative e burocratiche, non didattiche. Per il 44,9% dei casi queste attività occupano un quarto del tempo lavorativo, nel 34,5% circa la metà del tempo e nel 12,5% oltre la metà, solo l’8,1% vi dedica un tempo marginale. —[email protected] (Web Info)

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?