Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Giugno 2021

Pubblicato il

Tendenze

Federmanager Roma presenta Hire, tendenze del mercato del lavoro per il XXI secolo

di Redazione

Hire, un volume per chi vuole conoscere i nuovi trend del mercato del lavoro e capire come fronteggiare le sfide della trasformazione digitale

federmanager_Giacomo_Gargano
Federmanager Roma, Giacomo Gargano

Federmanager Roma, con la moderazione della giornalista Paola Severini Melograni, presenta il libro “HIRE, Humanize Industrial Revolution Enhancing. Tendenze del mercato del lavoro per il XXI secolo”, un volume per chi desidera conoscere i nuovi trend del mercato del lavoro e capire come fronteggiare le sfide imposte dalla trasformazione digitale e governare il cambiamento portando avanti il proprio apprendimento continuo e la propria crescita personale e professionale.

Come farsi cacciare dagli Head Hunter

A cura di Renato Fontana, coordinatore del Gruppo Giovani Federmanager e edito da Franco Angeli, HIRE è il secondo libro nato dal format di successo ideato da FEDERMANAGER ROMA “Come farsi cacciare dagli Head Hunter”, i professionisti che curano giornalmente la formazione e l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

HIRE, spiega Fontana, vuol dire “assumere” tradotto letteralmente dall’inglese ma nel libro si snocciola in un percorso di presa coscienza che il manager deve compiere per governare il mercato del lavoro che ci attende nei prossimi anni. Ecco allora che la rivoluzione tecnologica diventa opportunità per rimettere al centro la persona con tutte le sue potenzialità. 

Il presidente Federmanager Roma Giacomo Gargano

Stiamo affrontando una ripresa difficile – ricorda il presidente Federmanager Roma Giacomo Gargano – e il rimettersi in gioco nel mercato del lavoro è, senza alcun dubbio, un dato oggettivo con cui dobbiamo fare i conti. La selezione tramite gli head hunter resta una delle strade maestre per qualsiasi prospettiva di ricollocamento professionale.

Questo è il valore aggiunto di un lavoro come HIRE – afferma il presidente – poter mettere a fattor comune approfondimenti e consigli di head hunter di caratura internazionale, in un’ottica di crescita e condivisione che ci renda tutti più consapevoli e più preparati rispetto alle sfide che ci troviamo ad affrontare, un cambio di passo che necessita di know-how e competenze manageriali.

Federmanager Roma può offrire un contributo essenziale in questo contesto – sottolinea Gargano – e HIRE fa parte dell’impegno che come manager abbiamo assunto in tal senso rispetto alle generazioni presenti e future, con la visione e la responsabilità che ci appartengono, come manager e come cittadini.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Flavia Dagradi

Sebbene ciascuno di noi autori abbia singolarmente scritto il proprio capitolo – spiega Flavia Dagradi – Customer Marketing Intelligence di Randstad Group Italia – siamo riusciti a creare un fil rouge unico delle tematiche più importanti, attuali ed interessanti del mondo HR. Il ruolo degli head hunter e i nuovi strumenti di selezione del personale, i segnali che un manager deve saper cogliere all’interno della propria organizzazione e le competenze fondamentali che oggi deve possedere per cavalcare brillantemente l’onda del cambiamento, grazie anche all’autocoscienza e alla learning agility.

E infine uno sguardo alla trasformazione del ruolo di leader ed alle nuove professioni che verranno. Il libro Hire – conclude – si rivela dunque essere un viaggio imperdibile per comprendere tutte le nuove tendenze e le dinamiche fondamentali in atto nel mondo del lavoro, per essere aggiornati predittivamente su quello che accadrà.

Marco Giugliano

Marco Giugliano, Senior Partner PRAXI, indica come si rispondere ad alcune domande: “che lavoro ci sarà per me domani? Vincendo la paura per un futuro in cui cambierà la relazione tra uomo e macchina?

1) Preparandosi (più nuove competenze) in modo continuo e facendosi trovare pronti al cambiamento con consapevolezza e coraggio.

Vuoi la tua pubblicità qui?

2) Sapendo che nel nuovo mercato del lavoro gli SCENARI saranno più complessi (nuovi modelli organizzativi, nuove governance, nuove standard internazionali, nuove forme di competizione,…) e ci si troverà ad operare in NUOVI ECOSISTEMI DI BUSINESS tutti caratterizzati da: l’utilizzo delle Next Technologies.

La gestione dei temi etici; gli impatti sulla sostenibilità. In questa prospettiva – spiega Giugliano – avranno un ruolo di primo piano i Manager che dovranno vivere la loro leadership in modo da guidare ed influenzare l’innovazione ed il cambiamento che ci attendono e contribuire a creare quell’equilibrio che Stiegler nel suo testola società automatica indica come unica prospettiva a cui tendere, quella di una società in cui si adotta criticamente l’automazione con il fine di salvaguardare e potenziare quello che non è automatizzabile: il desiderio, gli affetti, le relazioni.

Rita Santarelli

IL VALORE ETICO VISES 26032019 LUISS

Rita Santarelli, Presidente Vises onlus afferma: “Ringrazio Federmanager Roma per questa iniziativa che supporterà Skills 2 Start, il progetto ideato da Vises per stimolare e preparare gli studenti all’esercizio di una cittadinanza più consapevole, valorizzando competenze e soft skills che permetteranno ai ragazzi di avvicinarsi più facilmente ad un modo del lavoro in continua evoluzione e di essere parte attiva nella crescita del nostro Paese”.

Desidero rivolgere i miei ringraziamenti – conclude Gargano – al presidente Federmanager Stefano Cuzzilla, che ha curato la prefazione del volume e tutti i professionisti e i colleghi che hanno reso possibile questa pubblicazione e all’Osservatorio 4Manager per il prezioso contributo documentale. Un ringraziamento particolare a Rita Santarelli, presidente della nostra Onlus Vises, attraverso la quale, anche questa volta, destineremo ad un progetto di impegno sociale parte dei proventi derivati dalla vendita del libro che, ricordo, è disponibile online e in libreria.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento