Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Settembre 2021

Pubblicato il

Immunizzazione giovanile

Figliuolo: “dal 16 agosto i ragazzi tra i 12 e i 18 anni faranno vaccini senza prenotazione”

di Chiara Fedeli
Si tratta dell’incentivo del Commissario straordinario al riavvio delle attività scolastiche e sportive
Vaccinazione giovani

A dichiararlo è il Commissario straordinario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo, che vuole dare alle Regioni una spinta all’immunizzazione giovanile. In vista soprattutto del nuovo anno scolastico ma anche della ripresa delle attività sportive.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La missiva del Generale Figliuolo

Quindi, il Commissario, ha inviato una lettera a tutti i presidenti di Regione e Province autonome. Nella missiva si legge che “la campagna vaccinale si sta sviluppando nei termini pianificati che vedono il progressivo raggiungimento degli obiettivi previsti per l’immunizzazione delle classi prioritarie, dei cittadini maggiormente vulnerabili e fragili”. In questo momento, il 65% della popolazione over 12 ha completato il ciclo vaccinale.

A questo link, la pagina del Governo con le informazioni ufficiali sui vaccini e sulla campagna vaccinale.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’invito è inoltre rivolto a tutti gli enti locali, che in vista dell’agevolazione dell’immunizzazione giovanile sono chiamati a “predisporre corsie preferenziali per l’ammissione alle somministrazioni dei cittadini della fascia d’età anche senza preventiva prenotazione”.

L’importanza di vaccinare i giovani

“Tale predisposizione – aggiunge – considerata anche l’esigenza rappresentata dal Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo sport, avrà risvolti positivi anche per incentivare la ripresa in sicurezza sia delle attività sportive sia di quelle finalizzate a garantire un maggiore benessere psicofisico per i più giovani”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo