Roma. Il Coronavirus non ferma i controlli, sequestri alimentari a Borghesiana

Merci scadute, altre di incerta provenienza, infine carne e pesce in pessimo stato di conservazione, vendute ai numerosi clienti in rispettosa  fila per l’approvvigionamento alimentare, è quello che gli agenti del gruppo Sicurezza Pubblica Emergenziale, diretti dal Dottor Stefano Napoli, hanno trovato in un negozio di alimentari in zona Borghesiana.

Accade anche questo in tempi di coronavirus: i caschi bianchi, impegnati  nei quotidiani controlli sul rispetto delle normative emanate dal governo per ragioni si salute pubblica, hanno posto sotto sequestro circa 1800 kg di derrate alimentari altrimenti invendibili. Il titolare dell’ esercizio é stato  deferito  all’ autorità giudiziaria per violazione della L.263/1962 e le merci, poste a disposizione per i successivi controlli della ASL competente.