Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Novembre 2022

Pubblicato il

Calcio

La Lazio saluta l’Europa League. Biancocelesti in Conference

di Christian Gasperini
La squadra biancoceleste, con due risultati su tre per centrare il passaggio del turno, perde in terra olandese e viene eliminata dall'Europa League
Zaccagni marcato da un avversario

La squadra biancoceleste, con due risultati su tre per centrare il passaggio del turno, perde in terra olandese e viene eliminata dall’Europa League. Chiudendo in terza posizione, andrà a giocare la Conference League. Agli olandesi è bastato il gol di Gimenez al 64° minuto.

La partita: Feyenoord – Lazio

La partita si apre con la Lazio vicinissima al vantaggio con Felipe Anderson che, però, viene fermato dalla traversa. Al 21° la Lazio va nuovamente vicino al vantaggio, ma la conclusione di Cancellieri termina di poco fuori alla sinistra del portiere. La prima occasione per gli olandesi arriva al minuto 22, con la conclusione di Dilrosun che termina fuori. Al 24° Lazzari si trova a tu per tu con il portiere, non riuscendo a metterla dentro. Al minuto 26 ci prova Paixao, ma trova una grande risposta di Provedel. Termina 0 a 0 la prima frazione di gioco.

La ripresa si apre con una buona occasione per Felipe Anderson, ma la sua conclusione viene fermata da un buon intervento di Bijlow. Al 62° ci provano i padroni di casa con Paixao, ma la conclusione termina sul fondo. Al 64° il Feyenoord va in vantaggio grazie al gol di Gimenez che, con la partecipazione di Provedel, deve solo depositare in rete. Non succede più nulla se non un cartellino rosso a Romero in pieno recupero. La Lazio, saluta l’Europa League e approda in Conference League.

Appunti di partita

Sergej Milinkovic Savic

Partita a dir poco sottotono quella del campione biancoceleste. Da lui ci si aspettava decisamente di più, invece è apparso spento e assente.

Provedel

Oggi anche lui rientra tra i peggiori. Sul gol degli olandese è in parte responsabile, anche se si è visto franare addosso Patric. Purtroppo, stasera, serata no anche per lui.

Le pagelle della partita

Provedel 5

Come detto, oggi uno dei peggiori in campo. In parte responsabile sul gol decisivo per gli olandesi.

Lazzari 5,5

Gioca solo 45 minuti ma non fa una grande gara. Si divora il gol dell’1 a 0 che, sicuramente, avrebbe cambiato le sorti della partita.

Casale 6

Fa una buona gara, non concedendo praticamente nulla agli avversari, rischiando pochissimo.

Patric 5,5

Non benissimo lo spagnolo che è tornato oggi dopo un infortunio. E’ apparso spesso in confusione e assente.

Hysaj 5,5

Partita non sufficiente del terzino. Sopratutto in fase offensiva, non si rende mai pericoloso.

Marcos Antonio 6

Forse uno dei migliori della Lazio. Fin quando è rimasto in campo si è reso protagonista di un’ottima prestazione.

Milinkovic Savic 5

Partita a dir poco sottotono quella del 21. Apparso spento e completamente assente.

Basic 5,5

Praticamente non pervenuto. Prova una conclusione nel primo tempo e poi il nulla.

Cancellieri 5

Malissimo anche lui, nel primo tempo si divora un gol a dir poco clamoroso.

Felipe Anderson 5,5

Anche lui apparso spento per gran parte della gara. Va vicino al gol ad inizio partita colpendo la traversa.

Zaccagni 5,5

Non il solito Zaccagni. Anche lui oggi è apparso spento e stanco.

Marusic (46′) 5,5

Anche lui oggi non fa praticamente nulla. Entra al posto di Lazzari e non da quel qualcosa in più.

Pedro (63′) 5,5

E’ apparso stanco e non è riuscito ad incidere. La stanchezza vista l’età si fa sentire ed è anche normale.

Cataldi (67′) 5,5

Entra malissimo in partita e fa peggio di Marcos Antonio. Ci si aspettava decisamente di più.

Vecino (67′) 5,5

Anche lui fa poco e niente. Non riesce a prendersi il centrocampo ed è poco presente in zona offensiva.

Romero (81′) 5,5

Entra e ci mette la grinta giusta, ma non basta. A recupero inoltrato si fa espellere per doppio giallo.

*Foto dalla pagina ufficiale SS Lazio

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo