Vuoi la tua pubblicità qui?
03 Dicembre 2021

Pubblicato il

Lunedì nero per la sanità: scioperano i medici

di Redazione
Rimandati gli interventi programmati e le visite ambulatoriali. Garantite le emergenze

La sanità italiana ha incrociato oggi, lunedì 22 luglio, le braccia per 4 ore di sciopero all'inizio di ciascun turno per “dare un segnale d'allarme al sistema del welfare, perché il definanziamento del Ssn rischia di portare a picco la sanità”.

A illustrare le ragioni dello sciopero dei medici pubblici i sindacati di settore nel corso di una conferenza stampa: l'astensione dal lavoro riguarda 115 mila medici e veterinari dipendenti e i 20 mila dirigenti sanitari, amministrativi, tecnici e professionali del Ssn.
Rimandati quindi gli interventi programmati e le visite ambulatoriali, mentre saranno garantite le emergenze.

A poco è servito l'incontro di gioevedì sera con il ministro Lorenzin perché l'obiettivo della protesta sono i dicasteri dell'Economia e della Funzione Pubblica.
Il 'clou' della giornata è infatti a Roma con il 'sit in' dalle ore 10 davanti il ministero di via XX settembre.
“La situazione della sanità italiana, vessata da manovre economiche scellerate – avverte Costantino Troise, segretario nazionale Anaao Assomed, alla presentazione a Roma dei motivi dello sciopero – è allo stremo. Basta fare un giro nei pronto soccorso per farsi un'idea. Barelle usate come posti letto e medici precari che lavorano in condizioni estreme. Tutto questo con un contratto fermo dal 2009 e con un blocco degli straordinari”.
“Non e' una questione di soldi – prosegue Troise – anche se dal 2009 ad oggi abbiamo perso quanto ogni italiano ha accumulato in debito pubblico, ma di regole e prerogative sindacali che consentono di contrattare le condizioni di lavoro. L'atteggiamento del Governo – conclude – mira invece a prorogare fino al 2014 il blocco in vigore senza escludere un rinvio a tempi indeterminati”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Saremo davanti il ministero dell'Economia – sottolinea Massimo Cozza, Cgil Medici – perché uno dei punti centrali della protesta e' la carenza di risorse e il ritardo sul contratto. Elementi necessari per il diritto alla cura dei cittadini. Inoltre ci sono circa 10 mila medici precari che lavorano nel Ssn con partita Iva, a gettone e Co.co.co, a questi colleghi – conclude – dobbiamo dare delle risposte”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?