26 Febbraio 2021

Pubblicato il

Mortale sulla Falerina direzione Fabrica di Roma: ragazzo fuori pericolo

di Redazione

Due ragazzi di 22 e 24 anni sono morti sul colpo, un terzo di 22 anni è rimasto gravemente ferito ma fuori pericolo di vita

Incidente mortale sulla Falerina: Civita Castellana e Fabrica di Roma sono sotto shock. L’incidente intorno alle 7:45 di ieri mattina, domenica 12 maggio, nei pressi del chilometro 3,500 della Falerina, la strada che collega Civita Castellana a Fabrica di Roma. Una Toyota Rav 4 avrebbe sbandato per poi finire contro un pilone di cemento dell’elettricità. Due ragazzi di 22 e 24 anni sono morti sul colpo, un terzo di 22 anni è rimasto gravemente ferito, è ricoverato in coma nel reparto di rianimazione del policlinico Gemelli di Roma.

È stato un passante ad avvertire i soccorritori. Sul posto, per liberare i ragazzi dalle lamiere, si sono precipitati i Vigili del Fuoco, poi gli operatori sanitari del 118, intervenuti con due ambulanze e un elicottero. I ragazzi si sono schiantati e ribaltati. La dinamica dell’incidente è al vaglio dei Carabinieri, la procura di Viterbo sta coordinando le indagini. I corpi dei due ragazzi sono a disposizione dell’autorità giudiziaria, e non è escluso che verranno sottoposti all’autopsia.

Vuoi la tua pubblicità qui?

AGGIORNAMENTO: E' ancora in coma farmacologico e avrebbe riportato delle lesioni alla milza e al fegato. Ma il 22enne rimasto gravemente ferito nell’incidente di domenica mattina sulla Falerina, in cui sono morti due suoi amici di 22 e 24 anni, non sarebbe più in pericolo di vita. Da quattro giorni è ricoverato nel reparto di terapia intensiva del policlinico Gemelli di Roma, dove è arrivato in eliambulanza. Dopo che l’emorragia interna si è fermata, i medici lo hanno sottoposto a una tac addominale da cui sarebbero emerse delle lesioni a milza e fegato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

LEGGI ANCHE:

Facebook chiude 23 pagine di fake news. La metà a sostegno di Lega e M5S

Panama, scossa di terremoto di magnitudo 6.1. Nessun allarme tsunami

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento