Pubblicato il

Ocse, reddito famiglie pro capite in Italia: +1,4%

di AdnKronos
Vuoi la tua pubblicità qui?

(Adnkronos) –
Il reddito reale delle famiglie pro capite è aumentato dell'1,4% in Italia. E' quanto emerge dai dati dell'ultimo rapporto Ocse relativi al terzo trimestre del 2023. A portare a questi numeri pare sia stata principalmente la crescita delle retribuzioni dei lavoratori dipendenti e dei redditi da lavoro autonomo.  Il reddito reale delle famiglie pro capite nell'Ocse è diminuito, invece, dello 0,2% nel terzo trimestre del 2023. Un leggero calo arrivato dopo quattro trimestri di crescita a partire dal terzo trimestre del 2022. Il Pil reale pro capite è cresciuto, invece, dello 0,3%.  Il Regno Unito ha registrato una crescita del reddito reale delle famiglie pro capite, che però è rallentato allo 0,2% nel terzo trimestre del 2023 dal 2,1% del trimestre precedente, poiché il Pil reale pro capite è diminuito per il secondo trimestre consecutivo.  La Germania ha registrato un calo dello 0,6% del reddito reale delle famiglie pro capite, con un calo del Pil reale pro capite per il quarto trimestre consecutivo. La Francia ha registrato una lieve contrazione (-0,1%) sia del reddito reale delle famiglie pro capite che del Pil reale pro capite. La Spagna ha registrato la contrazione maggiore (-2,1%), trainata da un aumento delle imposte sul reddito e sul patrimonio.   Negli Stati Uniti, nonostante un aumento dell'1% del Pil reale pro capite e l'aumento delle retribuzioni dei lavoratori dipendenti e dei redditi da lavoro autonomo, il reddito reale delle famiglie pro capite è leggermente diminuito nel terzo trimestre (-0,3%); ciò è dovuto principalmente alla diminuzione dei pagamenti delle prestazioni sociali governative, incluso Medicaid, e all'aumento dei pagamenti delle tasse e dei contributi previdenziali.  —[email protected] (Web Info)

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?