Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Ottobre 2020

Pubblicato il

Poggio Mirteto, una storia leggendaria nata con il “Ratto delle Sabine”

di Redazione

A Poggio Mirteto c'è il museo delle Bande Musicali ed è molto attiva la Banda Garibaldina che prende il suo nome dal passaggio di Garibaldi

Poggio Mirteto
Poggio Mirteto

Poggio Mirteto si trova su un ‘poggio’ in Sabina da cui domina il territorio circostante con una campagna ricca di un sempreverde dai fiori bianchi: il ‘mirto’. La sua storia affonda nel periodo sabino e romano sottolineato dalla leggenda de “Il Ratto delle Sabine” che dimostra la stretta connessione fra i due popoli. Durante il periodo romano questa area era ricca di ville come quella di “Bagni di Lucilla”, che ha una articolata infrastruttura idraulica alimentata dalle acque di sorgenti del monte San Cosimo, a circa un 1 km di distanza.

Poggio Mirteto entra nell’orbita dell’Abbazia di Farfa

Dopo la caduta dell’impero romano, le persone si rifugiano in fortezze su alture e venne fondata la attuale Poggio Mirteto che da subito entrò nell’orbita dell’Abbazia di Farfa nel 988.

Nel XV secolo resistette con successo alle truppe napoletane guidate dal duca Alfonso di Calabria. Fra i suoi feudatari le famiglie Farnese, Orsini, Mattei e Bonaccorsi.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La Cattedrale di Santa Maria Assunta è stata ristrutturata nel Seicento e al suo interno ha una croce processionale del ‘500, un capolavoro di oreficeria. Si racconta che appartenesse alla Basilica di San Giovanni in Laterano e che sia stata trafugata durante il Sacco di Roma insieme ad altre opere d’arte.

Il sacro e lo spirituale a Poggio Mirteto

Venne ritrovata a Poggio Mirteto e restituita alla Basilica di Roma, ma i preti di Poggio Mirteto la ricevettero in dono come ricompensa.

La chiesa di San Paolo è una delle più antiche ed è circondata da una particolare leggenda che riguarda una invasione di cavallette durante il 1654. Si racconta che l’invasione terminò quando vennero riprese le tradizionali messe del venerdì a suffragio delle anime morte celebrate dai Padri Missionari.

Nel 1816, Poggio Mirteto diventò capoluogo distretto dello Stato Pontificio. Nel 1837 ebbe il titolo di città da Papa Gregorio XVI e nel 1841 diventò sede vescovile. Il Palazzo del Vescovo è stato costruito sulla antica rocca in posizione dominante.

Musica e storia a Poggio Mirteto

A Poggio Mirteto si trova il museo delle Bande Musicali ed è molto attiva la Banda Garibaldina che prende il suo nome dal passaggio di Giuseppe Garibaldi per il paese nel 1849.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Da non perdere il Carnevalone Poggiano, un trasgressivo e irriverente carnevale che risale almeno al 1579 e che prevede carri allegorici, sfilate mascherate, danze e un finale con un falò di un fantoccio di cartapesta che fa un testamento simbolico prima di essere bruciato.

Claudia Bettiol

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento