16 Ottobre 2021

Pubblicato il

Rapina in un supermercato

di Redazione
Carabinieri intercettano l'auto rubata utilizzata per compiere la rapina e scatta l'inseguimento sul Gra

Molti automobilisti in transito sul Grande Raccordo Anulare sono stati involontari testimoni di un rocambolesco inseguimento scattato tra i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma e un’utilitaria sospetta guidata da un cittadino italiano. A far scoccare la scintilla, durante uno dei quotidiani pattugliamenti del G.R.A., è stato il riconoscimento da parte dei militari di un’auto che, il giorno precedente, era stata segnalata quale mezzo di fuga dei responsabili di una rapina messa a segno in un supermercato di via San Cleto Papa. I Carabinieri si sono avvicinati all’auto sospetta intimando l’alt al conducente che, per tutta risposta, ha accelerato bruscamente compiendo dei pericolosi zig-zag tra gli altri veicoli nel tentativo di darsi alla fuga, nonostante avesse in macchina la compagna e i quattro figli. I Carabinieri non hanno mollato la presa e, dopo un breve inseguimento, sono riusciti a bloccarlo all’uscita per l’autostrada di Fiumicino.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’uomo alla guida, un italiano di famiglia nordafricana di 33 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato ammanettato. La compagna e i quattro bambini sono stati fatti scendere dall’auto per consentire la perquisizione ai Carabinieri che hanno rinvenuto una pistola “scacciacani” senza tappo rosso, una grossa lama di coltello e un punteruolo di 15 cm. Gli accertamenti in banca dati hanno confermato che l’auto del fuggitivo era stata denunciata rubata il 19 aprile scorso e che il 33enne, insieme ad un complice, l’aveva utilizzata per compiere la rapina al supermercato.

Grazie ai filmati delle telecamere di sorveglianza dell’esercizio commerciale, i Carabinieri sono riusciti a identificare anche il complice: si tratta di un romano di 48 anni, anch’egli vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, che è stato arrestato, per sua grande sorpresa, nella sua abitazione di via Val Cannuta. Alla vista dei militari, l’uomo ha tentato di fuggire calandosi da una finestra della casa.
I due “compari” sono stati portati nel carcere di Regina Coeli, dove rimarranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria: il 33enne, dovrà rispondere dei reati di concorso in rapina, porto abusivo di armi, alterazione di armi, violazione della sorveglianza speciale e resistenza a pubblico ufficiale. Il suo complice, invece, è accusato “solo” di concorso in rapina.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo