Vuoi la tua pubblicità qui?
22 Settembre 2020

Pubblicato il

Rifiuti a Roma, Marino vuole cambiare i vertici di AMA

di Redazione

Il sindaco ha dichiarato che la situazione attuale non è degna di una città come Roma

Dopo la diffusione delle foto dei maiali che "passeggiavano" tra i rifiuti in via Montagnana, il sindaco di Roma Ignazio Marino tuona contro l'Ama: "Da una ventina di giorni insieme all'assessore Estella Marino stiamo conducendo i colloqui con le persone che abbiamo selezionato con i curricula più prestigiosi che abbiamo potuto selezionare in tutto il Paese. Spero che nel giro di poche settimane avremo la nuova leadership e davvero una grande discontinuità in un settore cruciale per la qualità della vita dei cittadini".

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Ieri l'assessore – ha proseguito il primo cittadino della Capitale – ha convocato d'urgenza il direttore generale, e anche adesso tornando in Campidoglio ho un incontro con lei e con altri del gabinetto per fare il punto perché davvero non possiamo avere la città in queste condizioni. Non è dignitoso per le romane e i romani e per tutti quelli che vengono da fuori. Io sono veramente molto, molto irritato. E' una situazione che deve essere corretta con sentimento di urgenza, perché questa è la Capitale".

A chi gli chiedeva se con l'arrivo di più soldi per la differenziata sarebbe cambiato qualcosa, Marino ha risposto: "Certamente sì, quello che occorre è un cambio con la differenziata, ma certamente occorreranno dei mesi perché l'aumento in percentuale ci sia. Tutti gli studi dicono che è relativamente facile giungere al 45%, mentre sarà difficile dal 45 arrivare al 60-65%. Ma quello che mi preoccupa in questo momento, con senso di urgenza, è risolvere il problema attuale della raccolta, perché non è possibile che ci siano tanti cassonetti rovesciati, stracolmi. Deve essere aumentato il servizio – ha concluso – soprattutto in questi giorni in cui aumenta il volume dei rifiuti".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento