Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Settembre 2020

Pubblicato il

Roma: Ignazio Marino, il sindaco a vela

di Redazione

E dopo i Fori e il lungomare arriva "La notte dei pedoni", tutta Roma senza motori, a piedi o in bici

Ormai è un'ossessione, a Roma il sindaco Marino fa notizia solo se parla di pedonalizzazione: i Fori, Via Appia Antica, il lungomare di Ostia e adesso tutta Roma, centro e periferie, per "La notte dei pedoni".

Vuoi la tua pubblicità qui?

Evidentemente Marino ritiene che nella difficoltà di incidere seriamente sulla vita cittadina con provvedimenti che non possono essere presi anche per la mancanza endemica di risorse economiche, pedonalizzare può dare l'idea di un cambiamento radicale, di una rivoluzione, a costo zero. A nessuno sfugge il lato positivo di una città, soprattutto Roma, con meno automobili, ma per fare l'esempio della cosidetta pedonalizzazione dei Fori Imperiali, quella parziale chiusura ha prodotto un traffico più intenso e disordinato nelle vie attigue. Quindi nulla di buono.

Il sindaco deve stare attento a non insistere solo in questa direzione, anche perché l'effetto consensi durerebbe poco, consigliamo di diversificare le idee e di puntare ad un progetto molto più serio sul quale fondare una Roma capitale moderna. Dire che sogna Via Appia Antica pedonalizzata dalla Colonna Traiana ai Colli Albani, che pensa a una Capitale "Verde", a misura di bambino, non può fargli dimenticare che c'è chi lavora e ci sono le persone anziane che hanno bisogno di collegamenti e di un trasporto pubblico sicuro e puntuale.

Intanto ha annunciato "La notte dei pedoni", una sorta di festa, una "Notte Bianca" a piedi o in bici per la notte tra il 16 e il 17 maggio prossimi. Queste le sue parole: "Vogliamo chiudere nella notte tra il 16 e 17 maggio l'intera città al traffico dei mezzi a motore all'interno del GRA, per consentire di spostarsi a piedi, in bici o sui mezzi pubblici".

Consigliamo di affrancarsi dalle presunte pedonalizzazioni e lavorare sodo a favore di un obiettivo sicuramente centrato come quello di realizzare una Capitale moderna e accogliente anche per evitare un nomignolo che già si sente nell'aria: "Ignazio Marino, il sindaco a vela".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento