Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Settembre 2021

Pubblicato il

Mascherina obbligatoria a scuola

Scuola, mascherine per i bambini. Potrebbero comportare più rischi che benefici

di Livia Maccaroni
Secondo le valutazioni “costi-benefici” degli esperti, gli svantaggi dell’obbligo di mascherina per i bambini potrebbero superare i vantaggi
bambini a scuola
Scuola

È dibattito aperto e in continua evoluzione quello relativo alla questione per cui i bambini debbano indossare o meno la mascherina nelle scuole, in particolare in quelle materne ed elementari. E, se il parere più autorevole su temi di questo genere è, evidentemente, quello degli scienziati, appare necessario tenere in considerazione le analisi da questi ultimi proposte. In base ad una sorta di “valutazione costi-benefici”, gli esperti concludono infatti che i potenziali danni educativi delle politiche di mascheramento obbligatorio sono stabiliti molto più saldamente, almeno a questo punto, rispetto ai loro possibili benefici nel fermare la diffusione del COVID-19 nelle scuole. Per giustificare il continuo mascheramento degli scolari, senza una data di fine in vista, è necessario dimostrare che le mascherine avvantaggiano i bambini – e a che età – più di quanto li danneggino.

L’importanza delle interazioni sociali

Per la maggior parte degli adulti le mascherine negli ambienti interni pubblici rappresentano solo un piccolo inconveniente. Ma i bambini hanno esigenze e vulnerabilità diverse rispetto agli adulti. La prima infanzia è un periodo cruciale. È in questa fase infatti che gli esseri umani sviluppano abilità culturali, linguistiche e sociali. Inclusa la capacità di rilevare le emozioni sui volti delle altre persone. Le interazioni sociali con amici, genitori e operatori sanitari sono fondamentali per favorire la crescita e il benessere dei bambini.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Lo studio in Bangladesh: il mascheramento obbligatorio per i bambini produce effetti rilevanti?

I risultati recentemente pubblicati da un ampio studio nelle zone rurali del Bangladesh hanno rilevato che l’uso diffuso di maschere chirurgiche da parte degli adulti produce una significativa riduzione della diffusione del COVID-19 sintomatico. (L’effetto delle maschere di stoffa era più ambiguo e lo studio non ha incluso i bambini.) Ma il problema che devono affrontare educatori e genitori è se una politica di mascheramento obbligatorio rende la scuola più sicura di una politica di mascheramento opzionale. È poi necessario valutare se la differenza è sufficiente per giustificare l’imposizione sui bambini.

I pareri dell’OMS e il caso del Regno Unito

Non esiste consenso scientifico sulla saggezza delle regole di mascheramento obbligatorio per gli scolari. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, che raccomanda che i bambini di età pari o superiore a 12 anni indossino maschere nelle stesse circostanze degli adulti, sconsiglia di mascherare i bambini di età pari o inferiore a 5 anni. Molte nazioni europee hanno seguito i consigli dell’agenzia. Il Regno Unito ha privilegiato i test rapidi invece del mascheramento. Inoltre non ha richiesto agli studenti delle scuole elementari o ai loro insegnanti di indossare una copertura per il viso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il caso statunitense

Negli Stati Uniti, tuttavia, le attuali linee guida del CDC e dell’American Academy of Pediatrics richiedono che i bambini dai 2 anni in su indossino una maschera nelle scuole al chiuso o negli asili nido. Il CDC fa specificamente eccezioni per il pisolino e la mensa. (Mascherare i bambini molto piccoli durante il sonno è sconsigliabile a causa del rischio di soffocamento.) In altre parole, la saggezza prevalente negli Stati Uniti richiede che i bambini dai 2 ai 4 anni indossino maschere all’asilo mentre sono svegli. Ma mentre dormono fianco a fianco nella stessa stanza possono smascherarsi. Proteggere i bambini da tutta l’esposizione al coronavirus è difficile per un altro motivo pratico: i bambini piccoli giocano con le loro maschere.

I rischi del mascheramento

Almeno alcune paure sul mascheramento sono esagerate. Nonostante le affermazioni di alcuni critici, è improbabile che i bambini che indossano una copertura per il viso soffrano di problemi significativi nel respirare anidride carbonica o inalare ossigeno. Tuttavia, portare la mascherine facendo esercizio può portare al fiato corto. Sfortunatamente, alcuni distretti scolastici stanno ignorando anche questa preoccupazione. Le scuole K-8 di Palo Alto, in California, ricche e altamente istruite, richiedono ai bambini di mascherarsi anche all’aperto durante la ricreazione, così come le scuole di San Diego. Eppure gli scienziati sanno da tempo che la trasmissione all’aperto è estremamente rara.

I vantaggi opinabili e il caso spagnolo

Quando le maschere sono richieste in ambienti esterni, i bambini possono sperimentare limitazioni nel gioco, nella tolleranza all’esercizio e nella socializzazione. E con quale vantaggio? I vantaggi dei requisiti per la mascherina nelle scuole potrebbero sembrare evidenti: devono aiutare a contenere il coronavirus. Ma potrebbe non essere così. In Spagna, le maschere vengono utilizzate nei bambini dai 6 anni in su. Gli autori di uno studio hanno esaminato il rischio di diffusione virale a tutte le età. Se le mascherine fornissero un grande beneficio, il tasso di trasmissione tra i bambini di 5 anni sarebbe di gran lunga superiore al tasso tra i bambini di 6 anni. I risultati non lo mostrano. Invece, mostrano che i tassi di trasmissione, che erano bassi tra i bambini più piccoli, aumentavano costantemente con l’età, invece che diminuire bruscamente per via dell’uso della mascherina.

Le difficoltà dei responsabili politici

Prima di limitare la quantità di contatti umani che i bambini sperimentano durante molte delle loro ore di veglia, i responsabili politici dovrebbero essere profondamente consapevoli di ciò che i bambini potrebbero perdere. Sfortunatamente, è stato difficile valutare sistematicamente l’aspetto negativo dei requisiti per le mascherine scolastiche per i bambini. Infatti fino a questa pandemia, le politiche di copertura del viso non erano mai state imposte in precedenza a così tanti bambini per un periodo di tempo così lungo. Gli studi longitudinali non possono essere eseguiti sui risultati a lungo termine, perché non ci sono bambini nelle generazioni precedenti da studiare.

Una battaglia ideologica

In assenza di una ricerca sistematica sui costi e sui benefici dei requisiti per le mascherine per i bambini, la questione si è trasformata in una battaglia politica di destra e di sinistra. Tra l’altro oltre a mascherare i bambini di 2 anni, il CDC raccomanda la vaccinazione delle persone dai 12 anni in su. Poiché entrambe le raccomandazioni provengono da una rispettata agenzia federale, è probabile che i sostenitori di entrambe dicano che stanno “seguendo la scienza”. Ma le prove che supportano la vaccinazione sono indiscutibili, sotto forma di molteplici studi randomizzati. Invece le prove a sostegno dei mandati delle mascherine scolastiche per i bambini piccoli sono quanto meno frammentarie.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo