Pubblicato il

Truffa alle assicurazioni: benvenuti al nord

di Redazione
Trasferivano le residenze certificate sul libretto auto da comuni del Sud a quelli del nord Italia
Vuoi la tua pubblicità qui?

Venti italiani e 1 albanese, appartenenti a 4 gruppi criminali in contatto tra loro, sono stati arrestati con l'accusa di truffa, false attestazioni ed induzione in errore di pubblici ufficiali, creazione di falsi documenti d'identità e false carte di circolazione e associazione camorristica.

In pratica trasferivano le residenze certificate sulla carta di circolazione da comuni del Sud d'Italia a comuni del Nord d'Italia. Comunicavano poi i nuovi falsi dati a assicurazioni telefoniche (Generaltel e Linear) per ottenere lauti sconti sui premi lucrando sulla differenza tariffaria esistente. Come se non bastasse rendevano il veicolo non punibile da sanzioni amministrative e penali perché irrintracciabile (come il proprietario) grazie alla falsa carta di circolazione.

Vuoi la tua pubblicità qui?

A scoprire la truffa e' stato il gruppo Gssu della Polizia locale di Roma Capitale che ha fatto scattare l'operazione 'Benvenuti al Nord', con perquisizione in 19 comuni italiani.
Le auto e le certificazioni false partivano dalla Campania e dalla Puglia, transitavano per Roma e ripartivano in direzione di Veneto, Lombardia e la Valle d'Aosta.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?