Vuoi la tua pubblicità qui?
14 Maggio 2021

Pubblicato il

“A Daniele Fulli intitoleremo un parco”

di Redazione

Ritrovata l'arma del delitto. Alla Magliana una sfilata di solidarietà

L'ARMA DEL DELITTO – Secondo quanto si apprende da Il Messaggero, l'arma che ha ucciso Daniele Fulli è un cacciavite, ritrovato tra i cespugli, a ridosso del fiume.
Come è stato accertato, una lite scoppiata tra Andrea Troisio e Daniele Fulli per ragioni sentimentali ha portato alla morte di quest'ultimo: i due infatti avevano da poco intrapreso una frequentazione.

Ad indicare agli inquirenti dove poter ritrovare il cacciavite, è stato proprio Andrea Troisio, il 32enne tossicodipendente con precedenti, che nel corso dell'interrogatorio ha confessato.

Vuoi la tua pubblicità qui?

LA SFILATA ALLA MAGLIANA – "Ciao Daniele, non ti dimenticheremo": così recitava lo striscione apparso ieri alla Magliana, dove è stato organizzato un corteo in onore di Daniele.
A dare vita alla manifestazione di solidarietà, le associazioni gay e Lgbt. Al ricordo di Daniele hanno anche aderito Vladimir Luxuria, Imma Battaglia, Fabrizio Marrazzo (portavoce gay center) e Aurelio Mancuso di Equality – i quali hanno anche deposto dei fiori sul luogo in cui si è consumato l'omicidio, sulle sponde del Tevere.

Il presidente dell'XI Municipio, Maurizio Veloccia, ha inoltre annunciato che sarà intitolato a Daniele un nuovo parco.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento