Vuoi la tua pubblicità qui?
13 Aprile 2021

Pubblicato il

Aula Magna della Sapienza di Roma Giuseppe Albanese in fantasie e danze

di Redazione

Di Ludwig van Beethoven eseguirà la famosissima Sonata “Quasi una fantasia” op. 27 n. 2, più nota col titolo apocrifo “Al chiaro di luna”

Recital di Giuseppe Albanese, sabato 26 ottobre alle 17.30 per la IUC nell’Aula Magna della Sapienza

Giuseppe Albanese, uno dei migliori e più affermati pianisti italiani di questi anni, eseguirà capolavori dell’Ottocento (Beethoven e Schumann) e del Novecento (Stravinskij, Debussy, Ravel), alcuni dei quali sono stai da lui incisi nel concept album intitolato “Fantasia”, pubblicato dall’etichetta discografica più prestigiosa in ambito classico, Deutsche Grammophon.

Di Ludwig van Beethoven eseguirà la famosissima Sonata “Quasi una fantasia” op. 27 n. 2, più nota col titolo apocrifo “Al chiaro di luna”. Di Robert Schumann la Fantasia op. 17, che, come l’opera di Beethoven che la precede, è in realtà un ibrido tra una Fantasia e una Sonata.

La seconda parte del concerto flirta invece con la musica di balletto e la danza. Prima una suite dal balletto “L’uccello di fuoco” di Igor Stravinskij nella trascrizione per pianoforte di Guido Agosti.

Poi la “Suite Bergamasque” di Claude Debussy e in chiusura “La Valse”, uno dei brani più famosi e travolgenti di Maurice Ravel.

Il compositore stesso descrisse quel suo “poema coreografico” con queste parole: «Nubi tempestose lasciano intravedere, a sprazzi, delle coppie che danzano il valzer: quando lentamente si diradano, si distingue un'immensa sala popolata da una folla volteggiante.

La scena s'illumina progressivamente, finché, raggiunto il fortissimo, si accendono i grandi lampadari. La scena si svolge alla corte imperiale, verso il 1855».

Dopo aver vinto giovanissimo il “Premio Venezia” 1997 e il Premio speciale per la miglior esecuzione dell'opera contemporanea al "Busoni" di Bolzano, Giuseppe Albanese si aggiudica nel 2003 il primo premio al "Vendome Prize", un evento definito da Le Figaro "il concorso più prestigioso del mondo attuale". 

Ora ha quarant’anni ed è tra i più richiesti pianisti della sua generazione, invitato per recital e concerti con orchestra da autorevolissime ribalte internazionali, quali – tra gli altri – il Metropolitan Museum e la Rockefeller University di New York, l'Auditorium Amijai di Buenos Aires, il Cenart di Mexico City, la Konzerthaus di Berlino, la Laeisz Halle di Amburgo, il Mozarteum di Salisburgo, St.Martin in-the-fields e la Steinway Hall di Londra, la Salle Cortot di Parigi, la Filarmonica di San Pietroburgo, la Filarmonica Nazionale di Varsavia, la Gulbenkian di Lisbona.

In Italia ha suonato con l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI e in ben undici delle le principali fondazioni lirico-sinfoniche Albanese è un pianista-filosofo: si è laureato in Filosofia col massimo dei voti e la lode ed è stato docente di "Metodologia della comunicazione musicale" presso l'Università di Messina. 

Aula Magna dell'Università La Sapienza

Città Universitaria – Palazzo del Rettorato

Piazzale Aldo Moro 5, Roma

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ufficio Stampa dell'Istituzione Universitaria dei Concerti:

Mauro Mariani

Vuoi la tua pubblicità qui?

[email protected]

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento