Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Novembre 2021

Pubblicato il

Allarme droga dello stupro

Barra (Villa Maraini): “A Roma si fanno tutti, soprattutto di Ghb. L’uso della droga è inimmaginabile”

di Redazione
A Roma il Ghb o droga dello stupro sembra godere di una nuova popolarità
ragazzi in terapia a villa maraini
Ragazzi in cura a Villa Maraini (Roma)

“A Roma si fanno tutti. L’uso della droga è talmente esteso quanto l’opinione pubblica neanche si immagina”. A dirlo è Massimo Barra, fondatore di Villa Maraini, commentando il boom di cui gode il gamma-idrossibutirrato, più conosciuto come Ghb o ‘droga dello stupro’. Complice gli ultimi fatti di cronaca, dai festini a base di chemsex al giro di spaccio scoperto a Roma, il Ghb sembra godere di una nuova popolarità.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Quella della “droga dello stupro” è una storia antica

“C’è una mia intervista a La Stampa di circa 20 anni fa in cui parlavo di questa sostanza e da allora non è cambiato nulla – spiega Massimo Barra, fondatore di Villa Maraini – Forse oggi si consuma di più perché se ne parla di più, qualcuno che magari non ci pensava adesso potrebbe esserne incuriosito”. In realtà quella del Ghb è storia antica.

Barra: Con il Ghb (droga dello stupro) si curano gli alcolisti

In realtà quello che in pochi sanno è che il Ghb è un medicinale, “lo utilizziamo per la terapia sostitutiva degli alcolisti – sottolinea Barra – ed è sicuramente il miglior farmaco che esista. Quando un medicinale diventa oggetto di abuso è il miglior complimento che gli si possa fare perché nessuno abusa di una sostanza che non fa niente”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Barra però ci tiene a spiegare un concetto: “Quando si parla delle sostanze non ci si può limitare a definire la situazione con il nome della sostanza perché ci sono altri due fattori fondamentali, ovvero il cervello dell’assuntore e il contesto. E questi tre elementi sono variabili, quindi un domani saranno diversi”. Se vogliamo affrontare il problema a tutto tondo dobbiamo approcciare il problema analizzando la “relazione fra sostanza, cervello e contesto”.

Un percorso ad hoc per i dipendenti dalla “droga dello stupro”

A Villa Maraini è nato un percorso terapeutico ad hoc per la cura dei dipendenti dalle chemsex. “Il costo esistenziale dell’uso di queste sostanze- evidenzia Barra- supera il valore e quindi il soggetto prende una fregatura”. Una è l’incapacità di avere un rapporto sessuale senza l’utilizzo di droghe.

“Qui da noi- specifica Barra- il percorso per liberarsi da questo tipo di dipendenza associa la terapia individuale con la terapia di gruppo e controlli antidoping. Queste persone vengono e si sentono protette”. Perché in fondo “sono tremendamente sole, abbandonate a se stesse, frequentano giri poco raccomandabili, francamente viziose – conclude Barra – fra di loro non si amano perché sono pronti a tradire il migliore amico per una striscia in più”. (Dire)

 

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo