Vuoi la tua pubblicità qui?
20 Settembre 2020

Pubblicato il

Ancora ghetti

Bimba morta nel campo rom Muratella: autopsia conferma denutrizione

di Giulia Bertotto

I risultati dell'autopsia disposta dal pm evidenziano una condizione di scarse cure e nutrimento che hanno condotto al decesso della neonata

bimba morta muratella
Campo rom della Muratella

La bimba morta nel campo rom in zona Muratella a novembre dello scorso anno, a Roma, era denutrita e malata. Lo conferma l’autopsia, svolta sulla piccola che è stata ritrovata senza vita nel campo di via Luigi Candoni.

Il deficit assistenziario all’interno del campo avrebbe fatto il resto, infatti la polmonite che l’ha portata al decesso non sarebbe stata identificata correttamente e quindi curata. La bimba dormiva in un container con la mamma e il papà, ma aveva iniziato a sentirsi male la notte tra il 28 e 29 novembre. La famiglia viveva senza acqua calda, i nonni dormivano a terra tra coperte sporche.

Purtroppo i soccorsi, arrivati sul posto, non sarebbero riusciti a salvarla.

I genitori della bimba morta

L’esame autoptico sulla piccola è stato disposto dal pm Maria Gabriella Fazi. I genitori sono accusati di maltrattamenti in famiglia. Le accuse a loro carico ora si aggravano perché la neonata non era nutrita adeguatamente.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il papà della bimba morta è un uomo di origine serba di 30 anni e la mamma una 24enne nata a Berlino. Ora rischiano il carcere.

La questione rom

Al di la delle responsabilità personali di questa famiglia c’è una problematica etica e sociale che ci riguarda tutti. La Questione rom, complessa, intricata e delicata, intorno alla quale ruotano interessi economici, strumentalizzazioni politiche, pregiudizi etnici e paure sociali, quando verrà risolta? Quando si inizierà a pensare davvero che nessun essere umano in condizioni di ghettizzazione può essere un cittadino in sintonia con i diritti e i doveri di uno Stato?

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento