Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Novembre 2020

Pubblicato il

Ceprano, pronti a rinunciare nome casello

di Redazione

Dopo la sentenza del Tar sugli espropri, il Sindaco Sorge: "Non possiamo pagare"

Il Comune di Ceprano e' pronto anche a rinunciare all'intestazione del casello dopo la sentenza del Tar che ha annullato gli atti di esproprio per il nuovo svincolo autostradale. ''Una situazione – dice il sindaco Giovanni Sorge- che abbiamo ereditato e che stiamo affrontando con la massima responsabilita' istituzionale, ma il nostro Comune non e' in grado di pagare ingenti somme a nessuno''. Per Sorge ''le casse sono vuote e, oltretutto, questi sono fatti che risalgono alle passate amministrazioni''. L'idea e' che l'Anas paghi tutti i risarcimenti, diventando proprietaria unica del casello di Ceprano. La vicenda ha avuto inizio nel 1996: il comune di Ceprano stipulo', con Provincia e societa' Autostrade, una convenzione per realizzare il nuovo svincolo autostradale e relativo casello. Gli atti d'esproprio furono approvati con una delibera del Consiglio comunale del 2007. Adesso il Tar ha dato ragione a otto cittadini che si sono opposti sostenendo che il Comune non avrebbe potuto redigere gli atti di esproprio. ''Ci siamo trovati questa sentenza sulle spalle- conclude Sorge- ma risarcimenti il Comune non ne puo' affrontare''.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento