Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Settembre 2021

Pubblicato il

Cerveteri, assembramenti al concerto di Manu Chao. Il sindaco lo interrompe: “Stacco tutto”

di Redazione
Il sindaco Alessio Pascucci è salito direttamente sul palco durante l'esibizione, rimproverando il pubblico e interrompendo l'artista
concerto Manu Chao
Manu Chao in concerto

È una calda serata d’agosto a Cerveteri, sul litorale della provincia a nord di Roma. Il concerto di Manu Chao, cantautore e chitarrista francese, inizia con le entrate contingentate e il regolare controllo del Green pass.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In apertura dell’evento tutto sembra andare nel verso giusto, ma nel corso della serata un centinaio di persone si sono spostate dalle sedute numerate e si sono messe a ballare in un’area comune creando assembramenti.

A quel punto è intervenuto direttamente il sindaco Alessio Pascucci che è salito sul palco rimproverando il pubblico e interrompendo il cantante nel bel mezzo dell’esibizione.

“Basta assembramenti o stacco la musica, serve il rispetto delle regole per chi è morto di covid-19. Perciò tutti al vostro posto”. Ha tuonato Pascucci.

Concerto Manu Chao, le parole di Pascucci dopo l’accaduto

Il primo cittadino ha poi spiegato ai giornalisti di Roma Fanpage che Etruria Eco Festival che non è stato interrotto né quest’estate, né la scorsa, proprio per sostenere i professionisti che lavorano nel settore della cultura.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dunque è importante mantenere il rispetto delle regole. “Ieri sera non ci aspettavamo questa reazione da parte del pubblico che si è alzato per andare sotto al palco e ha creato assembramenti pericolosi per la trasmissione del Covid-19. E’ stato mio dovere intervenire.

L’artista è dispiaciuto tantissimo per l’accaduto. Mi ha chiamato e ha detto che è finita l’emergenza sanitaria gli piacerebbe tornare”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo