Vuoi la tua pubblicità qui?
20 Settembre 2021

Pubblicato il

Dramma a nord di Roma

Roma, omicidio-suicidio. L’uomo lascia un biglietto: “Non ce la faccio più”

di Chiara Fedeli
L'uomo era un edicolante storico di via Cassia; la donna, costretta sulla sedia a rotelle, soffriva d'Alzheimer
omicidio san lorenzo via liburni parricidio roma
Polizia Scientifica

Quello che si è consumato nella giornata di ieri, 16 agosto, in via della Giustiniana, è un vero e proprio dramma. In una villa a Nord di Roma un anziano ha prima ucciso sua moglie malata, poi si è impiccato a una struttura del suo giardino.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Una vicenda spaventosa, un dramma. Un omicidio-suicidio, che ha tolto la vita ai due ottantenni coniugi. L’uomo ha prima ucciso la moglie disabile a coltellate. Poi si è tolto la vita, lasciando un ultimo biglietto: “Scusate, non ce la faccio più”. Il fatto sarebbe avvenuto, come accertato dagli investigatori, durante la mattinata di ieri, lunedì 16 agosto, presso una villa di via della Giustiniana, a Roma.

Vuoi la tua pubblicità qui?

I vicini, affacciati al loro balcone, hanno notato il corpo dell’uomo ottantatreenne, ormai privo di vita. L’anziano si era impiccato a una struttura in ferro nel suo giardino, con una corda. L’uomo aveva lavorato a lungo come edicolante in via Cassia. La donna, che è stata rinvenuta con una profonda ferita al petto causata da un grosso coltello da cucina, soffriva di Alzheimer, ed era costretta sulla sedia a rotelle. L’arma si trovava ancora vicino al corpo dell’anziana signora.

Le squadre di soccorso giunte immediatamente sul posto non hanno potuto far altro che constatare la morte dei due coniugi. A ricostruire la vicenda sono poi stati gli investigatori dei commissariati di Ponte Milvio e Flaminio. Un gesto assurdo e inspiegabile, che urla una comprensione che è difficile da dare. Così come è difficile dimenticare i racconti, le testimonianze e le sofferenze di tutti coloro che ogni giorno, si occupano del coniuge, del genitore, del proprio caro malato di Alzheimer.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo