Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Novembre 2022

Pubblicato il

Analisi

Colleferro, violenza contro le donne è anche privarle dei reparti di ostetricia, ginecologia e pediatria

di Redazione
E' accaduto qualche tempo fa all’ospedale di Colleferro, dove sono stati soppressi i reparti di ostetricia, ginecologia e pediatria
Ingresso Ospedale di Colleferro
Ingresso Ospedale di Colleferro

Che cos’è la violenza contro le donne? Spesso parliamo di violenza contro le donne. Un atto che può assumere molteplici forme e modalità, sebbene la forma fisica sia la più facile da riconoscere. Una forma di violenza contro le donne, che quasi mai viene considerata, è anche quando le donne vengono deprivate di alcuni servizi sensibili a loro dedicati. Com’è accaduto qualche tempo fa all’ospedale di Colleferro, dal momento che sono stati soppressi i reparti di ostetricia, ginecologia e pediatria.

Reparti prima spostati e poi cancellati

Quei reparti sono stati spostati all’ospedale di Palestrina. Almeno così dicono, ma in realtà, a causa della pandemia da Covid-19, attualmente non sono più attivi. E ogni cittadino sa quanto questi siano necessari in un territorio vasto come la zona sud della provincia di Roma. Tuttavia questi reparti sono necessari anche perché, in molti casi è difficoltoso per una donna recarsi a Tivoli o a Roma per partorire. E quali difficoltà stradali si incontrano per raggiungere da Colleferro sia l’ospedale di Tivoli che l’ospedale pediatrico “Bambino Gesù” di Palidoro o di Roma, quando il bambino sta per nascere o sta male.

Anche questa è violenza sulle donne, non c’è altro termine per definirla. Pertanto, sarebbe urgente e necessario riaprire immediatamente quei reparti o perlomeno ambulatori h24 di assistenza per gestire casi di emergenza. A fine ottobre scorso, una bimba che aveva fretta di venire al mondo, è nata solo grazie alla grande responsabilità di alcuni medici, del Pronto Soccorso di Colleferro. Per fortuna, non ci sono state complicanze.

Auguri alla neo mamma e complimenti alle ostetriche e al personale sanitario, affinché questo bellissimo evento, che deve essere di buon auspicio per le future nascite a Colleferro, non debba ripetersi in una corsia di un pronto soccorso.

Arianna Marcotulli

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?