Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Gennaio 2023

Pubblicato il

Concessioni balneari, Santanchè: “spiagge libere a privati per ripulirle dal degrado”

di Cristina Accardi
La ministra Daniela Santanchè lancia una provocazione affermando di voler dare le spiagge libere ai privati per ripulirle da tossici e rifiuti
Daniela Santanchè
Daniela Santanchè

Si è svolta ieri 13 dicembre l’assemblea annuale Confesercenti. Tra i ministri a partecipare vi è stata la ministra del turismo Daniela Santanchè che alla domanda sulle concessioni balneari ha lanciato una provocazione: “credo che prima bisogna assegnare le spiagge che non sono assolutamente servite, spiagge libere lasciate ai tossicodipendenti e invase dai rifiuti, che nessuno mette in ordine“.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Questo procedimento però richiederà tempo dato che devono essere aperte le gare e poi gli appalti, ma è fondamentale preservare il nostro patrimonio e la nostra identità. Infatti, “prima di 8 mesi, un anno, non saremo in grado di fare le gare per le concessioni balneari“, ma prima è importante realizzare una mappatura.

Mettendo le mani avanti e richiamando la responsabilità della questione nelle mani di Nello Musumeci, la Santanchè sottolinea che “il danno più grave è cambiare i patti in corso, perché le imprese hanno bisogno di stabilità“. Per questo motivo “le nuove regole vanno pensate molto bene perché consegnare pezzi litorale alle multinazionali priverebbe le nostre spiagge della nostra accoglienza e delle peculiarità italiane, gastronomiche e non. Mi sentirei male se tutto fosse standardizzato. Mi fa sentire male l’idea: pensate se non potessimo più mangiare i nostri spaghetti alle vongole o la nostra parmigiana di melenzane, cose che fanno parte della nostra identità“.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo