Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
25 Maggio 2020

Pubblicato il

Truffa?

Cremazioni Roma: agenzia funebre consegna terra e sassi al posto delle ceneri

Sul servizio di cremazioni a Roma un cittadino si è visto consegnare da un'agenzia funebre, un'urna contenente terra e sassi al posto delle ceneri

Cremazioni a Roma
Urna cineraria

Il servizio di cremazioni a Roma è sicuro? “Quanto accaduto nei giorni scorsi nell’ambito dei servizi cimiteriali di Roma è estremamente grave. Un cittadino romano a seguito della cremazione di un congiunto ha ricevuto da un’agenzia funebre, dopo alcuni mesi di attesa, un’urna contenente terra e sassi al posto delle ceneri.

Quanto accaduto è raccapricciante, offensivo e lede in profondità i sentimenti della vittima. Riteniamo ancora più preoccupante l’accaduto, soprattutto in concomitanza con l’emergenza legata all’epidemia del Coronavirus in cui le esequie dei defunti si svolgono senza cerimonie.

Serve un’azione di controllo dell’Ama

L’AMA e l’Assessorato all’Ambiente non possono tacere a fronte di quella che si configura come una truffa. Serve un chiarimento immediato sull’accaduto e, al di la di eventuali indagini della Procura, vanno individuate le responsabilità per rassicurare i cittadini sulle procedure adottate che vanno svolte nella massima trasparenza e nella certezza che il servizio permetta ai congiunti di avere conforto sul proprio dolore”. Così in una nota il capogruppo del pd capitolino Giulio Pelonzi. (Com/Red/ Dire) 

Cremazioni a Roma screditate da fatti come questo

Inoltre alla gravità di quanto è accaduto va aggiunto un altro elemento di attenzione, rappresentato dal forte discredito che arriva a pesare su un servizio di estrema delicatezza come quello delle cremazioni a Roma. E’ impossibile accettare che attorno alle onoranze funebri nascano situazioni di malaffare e in alcuni casi vere e proprie associazioni a delinquere. Come facciamo a ritenerci un Paese civile e cittadini di una Capitale moderna se soprattutto nei luoghi di culto e facciamo l’esempio del cimitero di Prima Porta, chiunque può fare scempio dei contenitori dei fiori e dei fiori stessi? Il cimitero di Prima Porta è una città nella città e le persone che si muovono in quel luogo sono spesso aggredite da furfanti scippatori senza alcun controllo. Non potremmo accettarlo nemmeno nell’ultimo comune d’Italia, a Roma Capitale ancora meno.

(Com/Red/ Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Commenti dei nostri lettori

1 commenti trovati
Condividi