Vuoi la tua pubblicità qui?
29 Settembre 2020

Pubblicato il

Altro che ripresa

Fase 3, se “recovery” ha una curiosa assonanza con “ricovero”…

di Mirko Ciminiello

Si moltiplicano piani e programmi, ma l’unica istituzione che si muove concretamente è la Bce. E in Italia si riesce a polemizzare perfino sui morti da Covid-19…

fondi europei
Fondi europei

Test per l’esame di giornalismo sul pallido accenno di ripresa auspicato nella presunta fase 3. Il candidato consideri che:

a) Christine Lagarde, presidente della Bce, comunicando il potenziamento del “Programma pandemico di acquisti in emergenza” per ulteriori 600 miliardi, si è soffermata sul Recovery Fund. Ovvero il piano della Commissione Europea che al momento, come sottolineato dalla numero uno della Banca Centrale Europea, è allo stadio di proposta. L’istituzione del nuovo strumento non avverrà infatti a breve, così come non saranno rapidi i tempi di distribuzione delle sovvenzioni. Perfino i prestiti per finanziare il fondo saranno restituiti solamente tra il 2028 e il 2058. Che probabilmente è il motivo per cui hanno ribattezzato il progetto Next Generation Eu, nel senso che il conquibus lo vedrà (forse) la prossima generazione comunitaria.

b) Il bi-Premier Giuseppe Conte ha affermato che «il Governo è già al lavoro per un ambizioso Recovery Plan». Avrebbe potuto chiamarlo “piano per la ripresa”, ma in fondo perché mai il Presidente del Consiglio italiano dovrebbe usare la lingua di Dante?

c) Il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha criticato le lungaggini bancarie nell’erogazione dei prestiti previsti dal Dl Liquidità. «Potrei cavarmela dicendo cambiate banca, andate da quella più rapida. Suggerirei di andare in quella che fa tutto in 48 ore». Fosse vissuto nel Settecento, avrebbe potuto soffiare il premio per la battuta dell’anno alla Regina Maria Antonietta. Di cui si dice che abbia suggerito al popolo francese in rivolta per la mancanza di pane di mangiare brioche.

d) Proseguendo con i parallelismi in salsa transalpina, il Signor Frattanto ha annunciato gli Stati Generali dell’Economia che dovrebbero riunire «le migliori forze del Paese». L’idea di Giuseppi è convocare «parti sociali, associazioni di categoria e singole menti brillanti» per riuscire «a raccogliere le idee più efficaci». Visti i precedenti, sarà già tanto se saranno Stati caporali.

Fase 3, la ripresa oltre l’economia

e) Nel frattempo, pare che Giuseppi, per non farsi mancare niente, voglia fondare un suo partito che, con una callidità che farebbe invidia all’eroe Ulisse-dal-multiforme-ingegno, dovrebbe chiamarsi Con-te. E niente, questa fa già abbastanza ridere di suo.

Vuoi la tua pubblicità qui?

f) Il virologo Andrea Crisanti ha affermato che «dovremmo avere un’estate relativamente tranquilla» perché il virus «è sensibile alla temperatura». Un dato che, combinato con la raccomandazione (sic!) della Ue a promuovere gli investimenti green, fa curiosamente pensare alla Scandinavia… Ma sarà sicuramente colpa della corona svedese.

Il tempo delle polemiche

g) Intanto in Italia è montata una ridicola polemica sulla bellissima e tenerissima immagine dell’app Immuni che gli intelliggenti con-due-g hanno bollato come stereotipata. Tra coloro che l’hanno cavalcata spicca l’ex Premier Enrico Letta, che ha descritto la figura chiosando: «Non credo ci sia da aggiungere nessun commento». Come se il suo intero tweet non fosse già sufficiente a riempire tutte le caselle dell’ultroneità.

h) In un secondo momento, poi, il nipote-di ha lamentato che in molti – troppi – commentavano difendendo l’immagine. In effetti, i social si sono chiesti ironicamente se la prostata fosse un’opinione come un’altra o magari un concetto antropologico. E pure questa fa già abbastanza ridere di suo.

i) Un’altra diatriba l’ha innescata Pierluigi Bersani, già segretario del Pd, dicendo del centrodestra: «viene il dubbio che se avessero governato loro non sarebbero bastati i cimiteri». Immediate e durissime le reazioni, con il segretario leghista Matteo Salvini che ha stigmatizzato le dichiarazioni come «disgustose, squallide, vomitevoli» e «da cretini». Gargamella però ha rincarato la dose, sostenendo che era stato il Capitano a esporsi a un simile giudizio e precisando di aver usato un’iperbole. Che è la dizione radical chic per “farneticazione”.

Ciò posto, illustri il candidato la fase 3 tenendo presente la curiosa assonanza tra il termine inglese recovery e quello italico ricovero.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento