Pubblicato il

Il quadro delle materie prime nel 2024: una visione cautamente ottimistica

di Redazione
Quali sono le materie prime su cui tenere il nostro focus? Per il petrolio, la politica dell'OPEC+ sarà cruciale per le prospettive future
Fornello del gas acceso
Vuoi la tua pubblicità qui?

Il 2023 doveva essere un anno di forza per il complesso delle materie prime. Le materie prime sono state la classe di attività con le migliori performance nel 2021 e nel 2022, e all’inizio di quest’anno erano potenziali contendenti per essere di nuovo la migliore, in particolare con le preoccupazioni legate all’approvvigionamento di gas durante l’inverno europeo 2022/23 e le crescenti tensioni geopolitiche.

Tuttavia, non è stato così, con il complesso in ribasso per l’anno. L’Europa ha avuto un inverno insolitamente mite nel 2022/23, lasciando il mercato del gas molto confortevole. I mercati hanno anche sottovalutato la capacità dei flussi commerciali di adattarsi a sanzioni e divieti legati all’invasione russa dell’Ucraina, mentre la storia di riapertura della Cina non è andata come previsto, con diverse fragilità nell’economia, in particolare nel settore immobiliare. Nel frattempo, il tightening delle banche centrali e un dollaro statunitense più forte hanno rappresentato forti venti contrari per i mercati delle materie prime.

Abbiamo un’opinione moderatamente favorevole su gran parte del complesso per il 2024. Le fondamenta per la maggior parte delle materie prime vanno da neutrali a leggermente rialziste. Inoltre, l’ambiente geopolitico elevato probabilmente persisterà nel 2024. Le aspettative che la Federal Reserve degli Stati Uniti inverta il tightening della politica e inizi a tagliare i tassi l’anno prossimo, insieme a un dollaro più debole, dovrebbero anche fornire un certo sostegno alle materie prime. Tuttavia, ci sono chiari rischi legati alla domanda dati gli aspettati rallentamenti della crescita globale l’anno prossimo.

Il Petrolio

Quali sono le materie prime su cui tenere il nostro focus? Per il petrolio, la politica dell’OPEC+ sarà cruciale per le prospettive. Il gruppo e in particolare l’Arabia Saudita hanno dimostrato il desiderio di sostenere i prezzi quest’anno e non ci aspettiamo che questo cambi nel 2024. Ammettiamolo, più l’OPEC+ taglia, più difficile sarà per il gruppo concordare tagli più profondi. Per ora, vediamo il mercato del petrolio bilanciato nella prima metà del 2024 prima di entrare in deficit nella seconda metà dell’anno, il che dovrebbe far salire i prezzi dai livelli attuali. Un rischio chiave per l’approvvigionamento di petrolio rimane nelle tensioni in Medio Oriente e nella potenziale applicazione più rigorosa delle sanzioni degli Stati Uniti contro l’Iran. Questo lascerebbe il mercato del petrolio molto più stretto del previsto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il Gas

Abbiamo un’opinione neutrale sul gas naturale europeo avendo iniziato la stagione di riscaldamento 2023/24 con le riserve piene. Prevediamo che le riserve usciranno da questo inverno al di sotto dei livelli dell’inverno scorso, ma comunque ben al di sopra della media. Questo dovrebbe rendere ancora una volta gestibile il compito di riempire le riserve l’estate successiva. Il rischio di una forte risposta della domanda e l’offerta limitata di GNL nel breve termine è anche il motivo per cui crediamo che il downside del TTF sia limitato. Tuttavia, i mercati globali del gas inizieranno a vedere nuove capacità di esportazione di GNL che entrano in funzione verso la fine del 2024, lasciando l’Europa meno vulnerabile dalla fine del 2024.

Una grande parte delle nuove aggiunte di capacità di GNL nel 2024 sarà guidata dagli Stati Uniti, che vedranno la domanda di esportazione crescere in un momento in cui si prevede che la crescita della produzione nazionale di gas naturale rallenti. Di conseguenza, abbiamo un’opinione relativamente più costruttiva sui prezzi del gas naturale statunitense l’anno prossimo.

Le prospettive per i metalli dipendono principalmente dalla Cina. Il settore immobiliare è probabile che rimanga debole nel 2024, suggerendo che non ci sarà una significativa ripresa della domanda di metalli. Inoltre, le scorte di metalli base della LME sono aumentate nei mesi recenti (da minimi pluridecennali), alleviando le preoccupazioni sui mercati stretti nel breve termine, anche se su base storica le scorte delle borse sono comunque strette. Per il 2024, la maggior parte dei mercati di metalli base dovrebbe essere equilibrata o in piccoli surplus, anche se questi equilibri potrebbero facilmente trasformarsi in deficit, a seconda di come si sviluppa la domanda. Fondamentali più costruttivi a lungo termine per diversi metalli e scorte storicamente strette suggeriscono che c’è ancora un certo potenziale al rialzo per la maggior parte dei metalli nel 2024, nonostante mercati in gran parte equilibrati.

I metalli

Vuoi la tua pubblicità qui?

Tra i metalli base, il nichel ha le prospettive più ribassiste per il 2024, con il mercato destinato a rimanere in ampio surplus per diversi anni, guidato dalla forte crescita della produzione indonesiana.

I metalli preziosi sono destinati a salire il prossimo anno, e vediamo l’oro scambiare a nuovi massimi storici nel 2024. Le aspettative che la Fed inizierà a tagliare i tassi, insieme alla prevista debolezza del dollaro statunitense, dovrebbero far tornare la domanda di investimento, a seguito degli elevati deflussi degli ETF di quest’anno. Una domanda di investimento più forte, combinata con una continuazione degli acquisti delle banche centrali, sarà favorevole per i prezzi dell’oro.

Le misure protezionistiche alimentari sono emerse a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, con preoccupazioni per la sicurezza alimentare. El Niño ha fatto sì che questa tendenza continuasse per gran parte di quest’anno. E con le elezioni in diverse nazioni in via di sviluppo il prossimo anno, è probabile che il protezionismo alimentare persista nel 2024.

I mercati dei cereali sono stati sotto pressione quest’anno nonostante le esportazioni di cereali ucraini siano diminuite a seguito della sospensione dell’Iniziativa sul grano del Mar Nero. La forte crescita dell’offerta da parte di altri fornitori chiave ha compensato le preoccupazioni per le minori esportazioni ucraine. In vista del 2024, i prezzi del mais sono destinati a rimanere sotto pressione con scorte in aumento, mentre ci aspettiamo che i prezzi della soia scendano leggermente sulla base della forte produzione sudamericana. Siamo relativamente più favorevoli al mercato del grano, con le scorte globali destinate a continuare a stringersi questa stagione.

Le materie prime soft hanno avuto un anno volatile con El Niño e eventi meteorologici più ampi che hanno portato a significative preoccupazioni sulla fornitura. Il cacao di Londra ha raggiunto livelli record e con l’aspettativa di un terzo deficit consecutivo, il mercato del cacao è destinato a rimanere volatile nel 2024. Tuttavia, date le attuali scorte, è difficile giustificare il grado di forza che abbiamo visto nel mercato. Anche il mercato dello zucchero è stato un forte performer quest’anno, con El Niño che si prevede colpirà la produzione in Asia e lascerà il mercato globale in deficit nel 2023/24. Prevediamo che i prezzi rimarranno elevati almeno fino all’inizio del prossimo raccolto del Centro-Sud del Brasile, che si prevede sarà un’altra grande coltura.

Complessivamente, affrontiamo il 2024 con una visione cauta ma ottimistica sul complesso delle materie prime.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?