Pubblicato il

Israele contro Unrwa: “Via da Gaza dopo guerra”. Italia tra Stati che hanno sospeso fondi

di AdnKronos
Vuoi la tua pubblicità qui?

(Adnkronos) –
C'è anche l'Italia tra i Paesi che hanno bloccato i fondi all'Unrwa. Ad anunciarlo in un post su X il ministro degli Esteri, Antonio Tajani. "Il Governo italiano ha sospeso finanziamenti Unrwa dopo l’atroce attacco di Hamas contro Israele del 7 ottobre. Paesi Alleati hanno recentemente preso stessa decisione. Siamo impegnati nell’assistenza umanitaria alla popolazione palestinese, tutelando la sicurezza di Israele", ha scritto. La tempesta che si è abbattuta sull', agenzia Onu per i profughi palestinesi – che ha licenziato 12 suoi dipendenti nella Striscia per un sospetto coinvolgimento nel massacro del 7 ottobre – si sta allargando sempre di più. Dopo gli Usa, anche altri Paesi – oltre all'Italia anche Canada, Gran Bretagna, Finlandia, Australia e Olanda – hanno deciso di congelare i propri finanziamenti all'Unrwa. Dal canto suo Israele cercherà di impedire all'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi di operare a Gaza dopo la guerra, ha dichiarato sabato il ministro degli Esteri Israel Katz. "Da anni lanciamo l'allarme: l'Unrwa perpetua la questione dei rifugiati, ostacola la pace, funge da braccio civile di Hamas a Gaza", è l'accusa lanciata su X da Katz, all'annuncio del Dipartimento di Stato Usa che, con "estrema preoccupazione per le accuse, ha annunciato la "sospensione temporanea nell'erogazione di ulteriori fondi". "L'Unrwa deve pagare per le sue azioni – si legge nel post di Katz – L'Unrwa non è la soluzione, molti dei suoi dipendenti sono affiliati di Hamas con ideologie sanguinarie, contribuiscono ad attività terroristiche e preservano la sua autorità". "Sotto la mia guida – ha aggiunto – il ministero degli Esteri israeliano vuole promuovere una politica che garantisca che l'Unrwa non farà parte del 'day after'". "Lavoreremo per avere sostegno bipartisan a questa politica negli Usa, nell'Ue e in altri Paesi – ha aggiunto – per fermare le attività dell'Unrwa a Gaza". "Il legame fra l'Unwra e Hamas è innegabile", quando si ricostruirà Gaza bisognerà sostituirla con altre agenzie "dedicate ad una vera pace e lo sviluppo", ha affermato ancora Katz. "Lo ripetiamo da anni, l'Unwra perpetua la questione dei rifugiati, ostacola la pace e serve da braccio civile di Hamas", aveva scritto Katz in un tweet precedente.  Il capo dell'Unwra, Philippe Lazzarini, ha definito "scioccante" la sospensione dei fondi all'agenzia per i profughi palestinesi, decisa da diversi paesi, fra cui Stati Uniti e Italia, e ha invitato a riconsiderare il provvedimento che mette in pericolo "l'aiuto umanitario in corso" a Gaza. "E' scioccante vedere la sospensione di fondi all'agenzia come reazione alle accuse contro una piccola parte dello staff, specialmente dopo che l'Unwra ha cessato i loro contratti e chiesto una indagine trasparente e indipendente", ha detto Lazzarini, citato dai media israeliani. "L'Unwra è la prima agenzia umanitaria a Gaza, due milioni di persone ne dipendono per la sopravvivenza.. sarebbe irresponsabile sanzionare un'agenzia e l'intera comunità per le accuse contro alcuni individui", ha aggiunto Lazzarini. La sospensione dei fondi è stata decisa da diversi paesi dopo che sono emerse prove della partecipazione di una dozzina di dipendenti dell'Unwra al massacro del 7 ottobre. Hamas ha accusato Israele di compiere "minacce" contro l'Unrwa, dopo l'apertura di un'inchiesta interna sulla accuse dello Stato ebraico a proposito di un sospetto coinvolgimento di diversi membri dello staff dell'organizzazione negli attacchi del 7 ottobre. "Chiediamo all'Onu e alle organizzazioni internazionali di non cedere alle minacce e ai ricatti" di Israele, ha riferito Hamas in un post su Telegram, secondo quanto riportano i media israeliani. La decisione di alcuni Paesi di sospendere i finanziamenti all'Unrwa, l'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei profughi palestinesi, comporta "grandi rischi politici e di soccorso", ha dichiarato il segretario generale dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (Olp), Hussein al-Sheikh. "Chiediamo ai Paesi che hanno annunciato la cessazione del loro sostegno all'Unrwa di revocare immediatamente la loro decisione", ha affermato, aggiungendo che ciò "comporta grandi rischi di soccorso politico e umanitario in questo momento particolare". "Abbiamo bisogno del massimo sostegno per questa organizzazione internazionale e di non interromperne il sostegno", ha chiosato al-Sheikh. —internazionale/[email protected] (Web Info)

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?