Vuoi la tua pubblicità qui?
12 Luglio 2020

Pubblicato il

“Italiani assediati dai cinghiali”, la manifestazione di Coldiretti a Roma

di Manuel Mancini

Alla manifestazione presente una delegazione di Artena guidata dall'assessore Domenico Pecorari

Più che raddoppiati negli ultimi dieci anni, salgono a 2 milioni i cinghiali in Italia. E’ quanto stima la Coldiretti in occasione del blitz odierno davanti a Montecitorio a Roma di migliaia di agricoltori, allevatori, cittadini, esponenti istituzionali contro l’invasione dei cinghiali e degli animali selvatici. Proprio per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla gravità del problema gli agricoltori della Coldiretti hanno provocatoriamente portato in piazza Montecitorio un pentolone gigante di polenta e di spezzatino di cinghiale, oltre a cartelli con le foto degli incidenti provocati sulle strade (19 nei primi 10 mesi del 2019) e dei danni nelle campagne.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Vuoi la tua pubblicità qui?

I cinghiali: un grande problema

C’è chi si è trovato un centinaio di cinghiali a pochi metri dalla porta di casa; c’è chi raccoglieva il mais di sera col trattore seguito passo passo dal branco che mangiava le pannocchie rimaste, senza essere neppure disturbato dal rumore; c’è chi ha visto i cinghiali arrampicarsi sulle vigne per mangiare l’uva. Una situazione che costringe ormai le aziende a lasciare i terreni incolti, stravolgendo l’assetto produttivo delle zone. Chi si è visto distruggere più volte il campo di mais o di girasoli sceglie alla fine di non seminare più. Il rischio è che venga meno la presenza degli agricoltori, soprattutto nelle zone interne, e con essa quella costante opera di manutenzione che garantisce la tutela dal dissesto idrogeologico. 

Coldiretti, manifestazione per difendere territorio, raccolti, case e lavoro

Una minaccia che per la prima volta, oggi 7 novembre, dalle prime ore del mattino, a Roma, in piazza Montecitorio, ha scatenato la più grande protesta mai realizzata prima nella capitale con un blitz di migliaia di agricoltori, allevatori, pastori da tutte le regioni oltre ai cittadini a partire dagli oltre 400 sindaci e amministratori comunali con i gonfaloni e agli amministratori delle varie regioni. Obiettivo difendere il territorio, le case e il lavoro. Con il presidente Coldiretti, Ettore Prandini, sono stati presenti rappresentanti delle istituzioni e della politica a livello nazionale, deputati e senatori, per denunciare, anche con eclatanti azioni dimostrative, una emergenza nazionale che sta provocando l’abbandono delle aree interne, problemi sociali, economici e ambientali con inevitabili riflessi sul paesaggio e sulle produzioni con le incursioni dei cinghiali che sono arrivati anche all’interno delle città minacciando la sicurezza delle persone. Per l’occasione sarà presentato il primo Dossier Coldiretti/Ixè su “Gli italiani assediati dai cinghiali”.

Assediati dai cinghiali la protesta a Roma

Allevatori, contadini, pastori. L’allarme cinghiali ha unito il mondo produttivo. Agricoltori e allevatori di Artena, insieme a centinaia di colleghi da ogni angolo dello Stivale, sono stati a Roma, in piazza Montecitorio, per una protesta collettiva. Il consigliere regionale Carlo Paniccia e l’assessore del Comune di Artena Domenico Pecorari hanno guidato la delegazione, per far sentire la voce di chi, in questi anni, è stato colpito dalle incursioni dei selvatici che scorrazzano incontrastati sul territorio. Un allarme che Coldiretti chiede sia preso sul serio, sia perché minaccia l’attività dei produttori sia perchè – di casi ce ne sono stati (vedi via Casilina tra Colleferro e Valmontone) – la presenza sempre più diffusa dei cinghiali in zone del centro abitato rappresenta un rischio anche per l’incolumità degli stessi cittadini.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi