05 Marzo 2021

Pubblicato il

Latina, inaugurato il sottopasso della Pontina

di Redazione

Sparisce un semaforo assai sgradito alla cittadinanza. Presenti Nicola Zingaretti e il sindaco Di Giorgi

Inaugurato nel pomeriggio di ieri a Latina lo svincolo tra viale Le Corbusier e la via Pontina, alla presenza del sindaco Giovanni Di Giorgi e del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. L'opera consiste in un sottopasso stradale e di una sopraelevazione di un breve tratto della Pontina

Questo progetto servirà ad alleggerire dal traffico la Pontina per tutti coloro che vogliono raggiungere le località di villeggiatura del litorale meridionale del Lazio e ricongiungere i nuovi e i vecchi quartieri di Latina. I cittadini di Latina (e non solo) attendevano da tempo questo momento, soprattutto perché sparirà un semaforo ritenuto da tutti pericoloso e che per giunta creava molti problemi alla viabilità. Lo svincolo è stato cofinanziato da Regione e Comune di Latina (2,280 milioni).

Vuoi la tua pubblicità qui?

"Abbiamo terminato i lavori in anticipo – ha dichiarato compiaciuto l'amministratore unico di Astral, Antonio Mallamo – rispetto alla data prevista del 24 settembre".  Soddisfatto anche Zingaretti:"Abbiamo tolto un tappo. E' una infrastruttura che risolve un problema e dimostra che lo Stato, se c'é la buona volontà, può funzionare. Quest’opera ha un valore per tutti coloro che usano la Pontina, per il quartiere e perché finalmente si toglie un incrocio drammatico e pericolosissimo".

"Penso – ha osservato il sindaco di Latina Di Giorgi – che quello di oggi è un giorno importante per la nostra città  perché questa è un’opera che aspettavamo da tanti anni e che parte da lontano. E’ un opera che ricuce la città e mette in collegamento due aree importanti della città e toglie un semaforo maledetto. Finalmente questa infrastruttura è stata realizzata e vorrei ricordare e fare un applauso a tutte le vittime che ci sono state su quest’incrocio".

Vuoi la tua pubblicità qui?

 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento