Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Gennaio 2023

Pubblicato il

Lazio, Bianchi: Proposta Zingaretti su piccoli Comuni grande innovazione

di Redazione
"La proposta punta a garantire pari opportunità di accesso a tutti i cittadini, sia che risiedano in una grande città o in un Comune con poche migliaia di abitanti"

"La proposta del Presidente Zingaretti di avere nella prossima Giunta un assessore con la delega ai piccoli Comuni e alle aree interne è una grande innovazione che punta a garantire pari opportunità di accesso a tutti i cittadini, sia che risiedano in una grande città o in un Comune con poche migliaia di abitanti. In caso di vittoria del centro-sinistra alle elezioni, avere in Giunta un assessorato dedicato allo sviluppo locale dei territori potrà contribuire ad una crescita più equa in una Regione che ha la grande area urbana di Roma".

Così Daniela Bianchi, Consigliera Regionale del Lazio del gruppo "Insieme per il Lazio" intervenuta durante l'iniziativa "Insieme per il Lazio in Tour" svoltasi a Roma presso il teatro Golden. "Dopo aver sistemato i conti e riavviato l'economia – aggiunge Bianchi – è arrivato il momento di costruire una nuova governance che ascolti e intervenga anche nelle aree più periferiche della Regione. Dai trasporti alla sanità, dal lavoro alla cultura, dobbiamo avere la capacità di costruire politiche che possano adattarsi alle specificità dei singoli territori e impedire lo spopolamento delle aree interne.

Vuoi la tua pubblicità qui?

In questi settori abbiamo già raggiunto importanti obiettivi, ma avere un Assessorato dedicato potrà dare più forza ai piccoli Comuni. Con l'indebolimento delle Province, dobbiamo dare a queste realtà nuovi strumenti per essere rappresentate adeguatamente. La sfida che abbiamo davanti è aperta: continuare il cambiamento avviato per far sentire tutti i cittadini parte di un disegno unico di crescita e sviluppo".

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo