Vuoi la tua pubblicità qui?
26 Novembre 2022

Pubblicato il

Sempre di più

L’invasione dei venditori ambulanti abusivi in centro a Roma

di Enrico Salvi
Tra abusivismo, sfruttamento delle organizzazioni criminali che li riforniscono e sequestri di capannoni di merci
Operazioni della polizia al Colosseo per contrastare i venditori ambulanti abusivi
Operazioni della polizia al Colosseo per contrastare i venditori ambulanti abusivi

Colosseo, Fontana di Trevi, piazza Navona, San Pietro e non solo: Roma è tornata ad essere “invasa” dai venditori ambulanti abusivi nelle strade del centro. Distese di sciarpe e scarpe di marchi contraffatti tra Pantheon e via del Corso. A Fontana di Trevi lucine colorate e aste per i selfie, così come al Colosseo, dove nelle giornate più calde venivano vendute bottigliette d’acqua senza alcuna garanzia igienico-sanitaria. I quadri dipinti lungo via dei Fori Imperiali e non solo. Capi di abbigliamento vari, accessori per arredamento e telefonia, fino ai giocattoli senza il marchio CE. E quando piove, “magicamente” diventano ombrellai fuori dalle stazioni della metropolitana. Con la ripresa post-pandemica della circolazione di persone residenti e turisti, Roma è tornata ad essere piena di venditori che ingombrano le strade e i vicoli del I Municipio, spesso ostacolando il flusso di persone.

Cosa c’è dietro

Un fenomeno che non è passato inosservato ma che va spiegato al meglio andando a vedere cosa si nasconde. Si tratta di gente più o meno disperata che per guadagnare poche centinaia di euro a settimana vengono riforniti e sfruttati dalle organizzazioni criminali. Il minimo per sopravvivere, per mangiare e avere un posto dove dormire mandando il resto alle proprie famiglie. Un circolo vizioso che nell’ultimo periodo le forze dell’ordine hanno cercato di combattere intercettando i principali canali di rifornimento.

Nelle scorse settimane Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia e vigili urbani hanno portato a termine una serie di operazioni con il sequestro di capannoni e milioni di pezzi che stavano per essere messi in vendita, ma ciò non ha ancora fermato il flusso di merci contraffatte e spesso non sicure che ogni giorno si trovano in moltissime vie del centro della Capitale.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?