Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Luglio 2020

Pubblicato il

Messi in salvo 15 animali tra cavalli e asini

di Redazione

A seguito di diverse denunce ricevute per una prolungata incuria in cui vivrebbero da tempo quegli animali

E’ iniziata da Colleferro l’operazione per mettere in salvo gli animali tenuti in precarie condizioni, a quanto pare, da un contadino locale in alcuni terreni di Colleferro, Segni e Gavignano. Le autorità giudiziarie hanno infatti deciso di porre sotto sequestro i circa 115 capi, tra cavalli e asini, a seguito di diverse denunce ricevute per una prolungata incuria in cui vivrebbero da tempo quegli animali. Questa mattina, dunque, dirigenti e operatori del Ministero della Salute, Unità Operativa Protezione animali, dei Nas, Nucleo Antisofisticazioni e Sanità, dei carabinieri del Comando locale, dell’Asl, della Polizia municipale si sono recati sul posto, nei pressi del cimitero comunale, dove gli animali sono stati avvistati. Non senza difficoltà, vista la loro natura brada, sono stati prelevati una quindicina di cavalli e asinelli che pascolavano in due terreni privati, i quali sono stati poi condotti in un’azienda agricola che se ne prenderà cura, in custodia giudiziaria, fino a quando non verrà decisa la loro sorte.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Ci siamo subito messi a disposizione – dice in proposito il sindaco Mario Cacciotti – per aiutare a risolvere una questione davvero molto delicata. Al momento ci siamo fatti carico di quelle povere bestie ma speriamo che trovino presto una sistemazione più consona e definitiva”. Per tutta la giornata una squadra di uomini della polizia municipale ha prestato la propria opera affinché si svolgessero in sicurezza e nel minor tempo possibile le complicate operazioni di prelievo degli animali, mentre un’altra squadra dell’Ufficio manutenzione del Comune si è prodigata, aiutando anche nel difficile recupero dei cavalli, a che il tutto avvenisse senza traumi per le povere bestie. Le stesse operazioni verranno effettuate nei territori di Segni e Gavignano, con l’ausilio delle due amministrazioni comunali, dove sono custoditi gli altri capi di bestiame.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi