Vuoi la tua pubblicità qui?
27 Ottobre 2020

Pubblicato il

Mina antinave a Gaeta: ieri il brillamento

di Redazione

L'ordigno era risalente alla Seconda Guerra Mondiale. Ieri la detonazione a 90 metri di profondità

Era stato rinvenuto lo scorso 24 ottobre l’ordigno bellico risalente alla Seconda Guerra Mondiale, nelle acque di Gaeta.
Subito, era stata interdetta la navigazione e il traffico veicolare e pedonale, per consentire lo sminamento delle acque e le operazioni di ricognizione e valutazione per la bonifica dell’area, effettuate dai Palombari del Nucleo Sminamento Marina Militare di Comsubin.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Dopo aver capito che si trattava di una mina antinave (modello Cr carica di 125 chili di tritolo), ieri mattina, sono iniziate le operazioni per farla brillare in acque sicure.
A partire dalle 7, i Palombari hanno iniziato le fasi di sollevamento e trasferimento dell’ordigno verso la zona che era stata individuata come idonea per il brillamento: la mina, è stata trasferita a largo di Punta dello Stendardo, per circa 4 miglia, in una zona in cui il fondale marino tocca i 90 metri di profondità.
La detonazione è avvenuta intorno alle 9.30.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento