Vuoi la tua pubblicità qui?
24 Novembre 2020

Pubblicato il

Montelibretti: apoteosi biancoceleste

di Redazione

“26.05.2013”…è per sempre!”

Migliaia di supporters laziali in tripudio, sabato 8 Giugno a Montelibretti, per la festa in onore della sesta Coppa Italia conquistata dalla Lazio nel derby contro la Roma. Una festa memorabile, come recita lo slogan dell’avvenimento “26.05.2013 …è per sempre!” Un ricordo da tramandare di padre in figlio, come leggenda laziale vuole. Come da programma, tutti i laziali montelibrettesi e moltissimi anche dei paesi limitrofi si sono ritrovati davanti al “Bar Marco”, da dove è partito il grandissimo corteo festoso e coreografico che ha percorso le vie principali del paese, con tanto di tappe per gli sfottò davanti agli storici bar romanisti. Per un giorno Montelibretti è diventata il nido delle aquile, il quartier generale della S.S Lazio o, come ha detto il famoso speaker romano Guido De Angelis “sembrava l’Old Trafford”. La sfilata si è conclusa con il raduno dei tifosi al Parco della Resistenza, dove, ad attenderli, la sorpresa che non ti aspetti: il Presidente della S.S. Lazio Claudio Lotito in persona, accompagnato da alcuni rappresentanti della società e dal direttore di Radio Radio Ilario Di Gambattista che, come ha avuto modo di dire, ”il presidente è stato accolto da un’ovazione e un calore che forse mai gli era successo prima”. Infatti, Montelibretti è il primo paese che accoglie il presidente con tanto affetto in nove anni di presidenza spesso contestata. Il segnale di un legame ormai assodato tra tifosi e dirigenza.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La soddisfazione di Lotito era chiaramente visibile: “Noi siamo una società di calciatori e professionisti, ma per prima cosa, di uomini veri, che credono nei valori della vita e dello sport. Siamo la prima squadra di Roma, come i fatti ci stanno dimostrando. Siamo una società del fare, non del dire… ”Rimasto più del previsto, dato l’entusiasmo e l’accoglienza dei tifosi, Lotito ha lasciato poi il paese alla volta di Rieti, dove era atteso per ricevere il premio come “Manager dell’anno”. Alla base del grande successo della festa c’è stata sicuramente grande partecipazione dei tifosi biancazzurri di tutte le età e generazioni di Montelibretti, dei tantissimi supporters arrivati anche dai paesi vicini e da Roma e, non da meno, la capacità organizzativa di chi ha promosso l’iniziativa curandola fin nei minimi dettagli. La manifestazione è proseguita fino a tarda notte tra cori, musica , coreografie, sfottò verso i cugini romanisti e proiezioni di video storici della squadra biancoceleste.

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento