Vuoi la tua pubblicità qui?
17 Settembre 2021

Pubblicato il

Bus Atac flambé

Nuovo bus Atac in fiamme, “quando finirà questo indegno spettacolo per i romani?”

di Redazione
"Quando finirà questo indegno spettacolo per i cittadini di Roma, sarà sempre troppo tardi"
bus in fiamme roma
Bus a fuoco, Roma

Un nuovo bus in fiamme a Roma. Ormai non fa più notizia, a leggere queste note viene solo da sbadigliare. Ma il rischio per i passeggeri che usufruiscono del servizio Atac rimane sempre.

“Sono in corso di accertamento le cause dell’incendio che si è sprigionato stanotte su un bus della linea N46 mentre percorreva via Aurelia, all’altezza di piazza Irnerio” a Roma. Lo comunica Atac in una nota che prosegue: “Il conducente ha provato a spegnere le fiamme con l’estintore in dotazione, quindi ha avvisato vigili del fuoco che sono intervenuti. Non ci sono stati problemi per le persone”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’episodio si è verificato questa notte dopo le ore 3.30 in Via Aurelia 400, e tre squadre dei Vigili del fuoco sono intervenute.
A seguito della notevole quantità di fumo sprigionato è stata assicurata alle cure del 118 una donna anziana per controlli di routine. Una pizzeria adiacente al luogo dell’incendio è stata parzialmente investita dal calore coinvolgendo parti esterne della stessa.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Intervento si è concluso alle ore 5 circa. Sul posto anche gli agenti del Gruppo Aurelio della Polizia di Roma Capitale per mettere in sicurezza l’area e per i rilievi dei danni sui veicoli in sosta e le vetrine di alcune attività.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Colosimo: quando finirà sarà sempre troppo tardi

Anche stanotte la giunta Raggi ci ha offerto la specialità della casa: bus Atac flambé. Quando finirà questo indegno spettacolo per i cittadini di Roma, sarà sempre troppo tardi”. È quanto scrive su Facebook il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Chiara Colosimo. (Ago/ Dire) 

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo