Vuoi la tua pubblicità qui?
12 Agosto 2020

Pubblicato il

Ostia, violenza familiare. 2 arresti. Finiscono a Regina Coeli

di Redazione

Nella giornata di ieri, i Carabinieri di Casal Palocco hanno arrestato un 52enne, con precedenti e già sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento alla ex moglie

Ostia, carabinieri
Ostia, i carabinieri arrestano 2 uomini violenti

Continua l’attività di controllo che i Carabinieri di Ostia stanno portando avanti per garantire la sicurezza sul territorio. Per prevenire e reprimere i reati in genere, mantenendo alta l’attenzione sugli episodi di violenza maturati in ambito familiare. E in relazione anche agli atti persecutori, intervenendo in maniera ferma e tempestiva in tutti quei casi del cosiddetto “Codice Rosso”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Nella giornata di ieri, i Carabinieri di Casal Palocco hanno arrestato un 52enne, con precedenti e già sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento alla ex moglie. L’uomo pochi giorni fa era stato bloccato dagli stessi Carabinieri per aver aggredito la donna. Ma nonostante il divieto, ha nuovamente tentato di contattarla. A seguito della denuncia presentata dalla vittima, i militari hanno relazionato all’Autorità Giudiziaria che ha disposto l’immediata carcerazione. L’uomo è stato condotto presso il carcere di Regina Coeli.

A Ostia Antica i Carabinieri, al termine di un’articolata attività investigativa svolta in stretta collaborazione con l’Autorità giudiziaria, hanno arrestato un 62enne originario dello Sri Lanka. L’uomo, da anni perpetrava vessazioni fisiche e psicologiche nei confronti dei familiari. A seguito della denuncia da parte della moglie e dai figli esausti per i continui soprusi, ha consentito ai militari di ricostruire l’incubo vissuto dalle vittime. Nei confronti dell’uomo il Tribunale di Roma ha emesso un ordine di custodia cautelare in carcere. Un atto notificato dai Carabinieri e successivamente è stato portato nel carcere di Regina Coeli.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento