Vuoi la tua pubblicità qui?
16 Aprile 2021

Pubblicato il

Per la campagna di prevenzione del tumore al seno a Labico una passeggiata rosa

di Redazione

Ottobre è il mese dedicato alla prevenzione del tumore al seno

Ottobre è il mese dedicato alla prevenzione del tumore al seno, una patologia che colpisce in Italia una donna su nove nell’arco della vita e ha visto ammalarsi nei primi nove mesi del 2019, 53 mila donne e 500 uomini. Negli ultimi anni i dati di sopravvivenza sono in costante aumento, ma perché questo trend continui è fondamentale la prevenzione: sabato 26 ottobre sarà attiva a Labico la campagna nazionale Nastro Rosa, che prevede una passeggiata per la prevenzione del tumore al seno a partire dalle ore 18:00 da piazza della Libertà.

La Prevenzione del tumore al seno

Come riportato dal sito della Fondazione Umberto Veronesi, tutti gli studi confermano l’importanza di seguire un’alimentazione sana e corretta. E soprattutto di tenere sotto controllo la bilancia: la correlazione tra obesità e incidenza del cancro del seno è infatti dimostrata, soprattutto dopo la fine dell’età fertile. Diverse ricerche hanno rivelato che questo tipo di neoplasia è maggiormente diffuso presso le popolazioni che seguono una dieta ricca di grassi, mentre gli alimenti tipici della dieta mediterranea (olio d’oliva, pesce azzurro, frutta, verdura, cereali) hanno un’efficacia preventiva. L’attività fisica può ostacolare la formazione del tumore. Le donne che svolgono regolarmente sport presentano una riduzione del rischio di ammalarsi di circa il 15-20%. Questi effetti sono più evidenti in post-menopausa, ma praticare sport fin dall’adolescenza è in grado di diminuire l’incidenza di tumori che poi si svilupperebbero al termine dell’età fertile. Le mamme sono più protette: sembra incidere favorevolmente sia il numero di figli sia l’età della gravidanza (prima avviene, più basso è il rischio). Il cancro del seno è meno frequente nelle donne che hanno avuto il primo bambino prima dei 21 anni, mentre si considera un fattore di rischio partorire per la prima volta oltrepassati i 30 anni. L’allattamento al seno esercita inoltre un ulteriore effetto protettivo, perche consente alla cellula mammaria di maturare e completarsi, e la rende quindi più resistente.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La Prevenzione secondaria: lo screening

Sempre dal sito della Fondazione Veronesi possiamo comprendere lo scopo dello screening, ovvero degli esami periodici su donne senza segni di malattia, è intercettare un eventuale tumore quando è ancora in fase precoce e può quindi essere curato con efficacia e con terapie poco invasive. La diffusione su larga scala in Italia dei programmi di screening mammografico, dalla seconda metà degli anni ’90, ha contribuito a determinare una riduzione della mortalità, con una diminuzione degli interventi di mastectomia. I programmi nazionali di screening prevedono l’offerta gratuita e attiva della mammografiaalle donne fra i 50 e i 69 anni, con cadenza biennale. Ci sono poi variazioni territoriali delle fasce d’età coinvolte. In generale però è consigliabile effettuare il cosiddetto screening spontaneo, ovvero pianificare insieme al medico di fiducia un programma di controlli personalizzato anche prima dei 50 anni. In assenza di fattori di rischio specifici (come storia familiare, densità del tessuto mammario, mutazioni genetiche) le donne dovrebbero iniziare intorno ai 30 anni a sottoporsi a visita senologica ed ecografiaannuali, integrando dopo i 40 con una mammografia ogni uno o due anni, a seconda del consiglio del medico. La risonanza magnetica mammaria è utile in casi particolari, come per le pazienti con mutazione di BRCA-1 e/o BRCA-2, in aggiunta alla mammografia annuale. Sebbene l'autoesame del seno non possa essere considerato un vero strumento di diagnosi precoce, è importante che ogni donna impari ad effettuare in maniera corretta e regolare l’autopalpazione, per imparare a conoscere il proprio seno e notare cambiamenti da segnalare eventualmente al medico. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Labico sostiene la prevenzione del tumore al seno

Labico si dipinge di rosa e colora di rosa la sera di Sabato 26 ottobre. Una passeggiata per la prevenzione del tumore al seno partirà alle ore 18:00 da piazza della Libertà. I partecipanti, che sono invitati a munirsi di torce elettriche, seguiranno il percorso delle fonti, che terminerà con una piccola grigliata al Fontanone e una raccolta fondi per l'Aic. Un semplice gesto, come quello promosso dall’amministrazione Giovannoli, che speriamo possa contribuire a sensibilizzare la popolazione sul tumore al seno: prevenire è vivere.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento