Pubblicato il

Odioso fenomeno

Roma, 18enne in trasferta da Napoli truffa una 95enne spacciandosi per il figlio in difficoltà

di Redazione
Anziani raggirati con la tecnica del figlio e nipote in difficoltà, una modalità diffusa tra i malviventi in trasferta da Napoli
Truffe agli anziani
Truffe agli anziani
Vuoi la tua pubblicità qui?

I Carabinieri della Compagnia di Roma Piazza Dante hanno arrestato un 18enne della provincia di Napoli, gravemente indiziato del reato di estorsione in concorso ai danni di una anziana signora di 95 anni.

Ricostruzione dei fatti

Nella circostanza, il pomeriggio dell’8 gennaio scorso, i Carabinieri sono intervenuti in un’abitazione in via di Val Padana, dove un’anziana donna era stata chiamata al telefono da uno sconosciuto che le aveva fatto credere di essere il figlio, al quale avrebbe dovuto consegnare per il tramite di un suo amico una cospicua somma di denaro, per evitare gravi conseguenze penali per una fantomatica vicenda giudiziaria.

La donna, preoccupata per le possibili conseguenze del figlio, ha consegnato al giovane l’importo di 1.500 euro in contanti e diversi gioielli in oro. L’indagato è stato bloccato dai Carabinieri perché notato uscire dal palazzo con un cappellino e una mascherina in atteggiamento sospetto ed è stato trovato in possesso del denaro e degli oggetti estorti che sono stati riconsegnati all’anziana.

Fuga del complice

Gli accertamenti svolti dai militari nell’immediatezza, hanno consentito di rinvenire nelle vicinanze dell’abitazione l’autovettura che poco prima era stata utilizzata dall’indagato e da un complice che notato che qualcosa era andato storto si era già dileguato dal posto.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Arresto e obbligo di dimora nel comune di residenza

I Carabinieri, d’intesa con la Procura della Repubblica di Roma, hanno arrestato il 18enne e lo hanno accompagnato presso il carcere romano di Regina Coeli dove il Tribunale di Roma ha convalidato l’arresto e ha disposto per lui l’obbligo di dimora nel suo comune di residenza.

Si precisa che il procedimento è nella fase delle indagini preliminari per cui l’indagato è da ritenersi innocente fino ad eventuale sentenza definitiva.

Il fenomeno dei trasfertisti

Vengono chiamati trasfertisti. Sono vere e proprie bande, ben coordinate, solitamente provenienti dal territorio di Napoli e dalla provincia partenopea, che per l’appunto agiscono in trasferta.

Dal Comando Provinciale di Roma i militari fanno sapere che: “Sono stati conseguiti importanti risultati operativi che hanno consentito di arrestare centinaia di persone e dimostrare come la criminalità napoletana gestisca batterie di malviventi che raggiungono la Capitale per mettere in pratica questo odioso reato“, hanno dichiarato i Carabinieri dal Comando Provinciale di Roma. Per questo, oltre a una logica repressiva, gli agenti hanno iniziato una intensa attività di prevenzione, mediante informazione mirata.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Iniziative dei Carabinieri per prevenire le truffe

A riguardo, nell’ottica di una sempre maggiore partecipazione del carabiniere come attore sociale, molte sono state le iniziative intraprese per aiutare le fasce cosiddette deboli della società con la distribuzione di un dépliant, con un decalogo di semplici consigli che aiutano il cittadino a non rimanere vittima di una truffa, nelle parrocchie, nei centri anziani, nelle farmacie“, hanno spiegato le Forze dell’Ordine.

*Foto di archivio

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?