E' una carneficina

Roma, ancora un femminicidio: uomo uccide moglie con pistola e va dall’avvocato

Ancora una donna uccisa, si allunga l’elenco dei nomi che ormai rappresentano una vera ecatombe. Ha ucciso la moglie a colpi di pistola, poi, è andato dall’avvocato e ha confessato il delitto. Il legale ha contattato il Commissariato di Prati e gli agenti si sono recati sul posto per verificare la veridicità del fatto. Una volta entrati nell’appartamento dei coniugi in via Mascagni a Roma hanno trovato il corpo senza vita della moglie.

Commissariato di Polizia Vescovio
Commissariato di Polizia Vescovio, Roma

Morti violente avvenute quasi sempre per mano di chi quelle donne avrebbe dovuto amarle. E anche oggi a Roma, in un elegante quartiere, il teatro dell’ennesimo atto di violenza è stata una casa, dove una donna di 73 anni è stata uccisa dal marito di 76 a colpi di pistola. Uccisa forse ieri, domenica 19 giugno, come il marito sembra aver poi detto agli investigatori che stanno cercando di ricostruire la vicenda.

L’omicidio è avvenuto in un condominio di via Mascagni, nel quartiere Trieste. La vittima è Caterina D’Andrea, riporta l’Ansa, mentre l’omicida sarebbe Pietro Bergantini, marito della donna, scrive la stessa Agenzia di Stampa. L’uomo ha confessato tutto alla Polizia. Ex funzionario di una compagnia assicuratrice, per motivi ancora da accertare e chiarire, ha ucciso la moglie con un colpo di pistola. In seguito a una notte intera passata con il suo corpo nell’appartamento il 76enne ha deciso di raccontare tutto al suo legale.

Il difensore ha quindi contattato le forze dell’ordine e ha accompagnato il suo cliente in commissariato dove si è costituito raccontando di avere ucciso la moglie con una delle pistole che legalmente deteneva. Incertezza e confusione nella dinamica e nelle motivazioni di questo femminicidio.
La squadra mobile della Capitale e gli investigatori del Commissariato Vescovio, stanno ascoltando in queste ore diverse persone, sia i vicini di casa della coppia, sia alcuni parenti.

E anche la Polizia scientifica, attraverso i rilievi del caso, sta cercando di capire da quante ore la donna sia stata uccisa. E soprattutto perché. (Ansa)

Roma prima città per femminicidi

Secondo il quotidiano “La Stampa”, con questo ulteriore omicidio contro una donna, Roma è al primo posto per il numero di femminicidi, seguita dalla città di Milano.

Una carneficina in corso i cui numeri aumentano di ora in ora, di giorno in giorno, e che ha tutti gli elementi per diventare un’emergenza sociale.