Roma, riecco le baby gang: le zone che sono più a rischio

Negli ultimi tempi è tornato il problema delle baby gang legato ad alcune zone di Roma in particolare. Questo è sempre stato un problema diffuso nella capitale e sono sempre più i casi con cui si ha a che fare.

Cosa sono le baby gang?

Le baby gang sono dei gruppi di ragazzi, alcuni di loro anche molto giovani, che vanno in giro muniti di coltelli e accessori vari per terrorizzare le persone e creare panico. Secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, stando anche a quelli che sono gli avvenimenti dell’ultimo periodo, sarebbero 16 le zone in cui queste sono più diffuse.

La mossa della Prefettura di Roma

La Prefettura di Roma ha già preso in considerazione questo problema e ha deciso di intervenire nell’ambito del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato dal prefetto Matteo Piantedosi. Servirà, infatti, a capire come poter arginarlo. La fascia di età in cui rientrano la maggior parte di queste gang è 14-18 anni.

La mappa delle zone più pericolose

I quartieri in cui sono presenti si trovano sia in zone centrali che periferiche. Tra le zone che si avvicinano al centro ci sono Flaminio e Parioli, dove queste gang hanno colpito anche mini market con furti di alcolici che sfociano spesso e volentieri in aggressioni ai negozianti che decidono di reagire. Stesso discorso per la zona delle Medaglie d’Oro, mentre tra Magliana e il Trullo si verificano anche danneggiamenti dei mezzi pubblici. Discorsi di droga e malavita incombono, invece, in zone come Tor Bella Monaca, Morena, San Basilio e Torri. Dagli 11 ai 13 anni hanno invece i ragazzi che commettono i furti, per lo più rapine in piccoli negozi, nelle zone Tuscolano e Don Bosco.

Le altre zone di Roma colpite dalle baby gang

Infine si registra una presenza di gruppi anche in altre zone di Roma, come ad esempio Cinecittà o Tiburtino, ma anche Primavalle e il quartiere Appio. Sono, tuttavia, meno diffuse in queste zone e attaccano prevalentemente nel fine settimana. Ruotano infatti attorno alla movida che si verifica in queste ultime zone. In generale agenti della Polizia e dei Carabinieri, insieme ai Vigili Urbani e alla Guardia di Finanza, hanno notato una maggiore propensione alla violenza a Roma da parte dei più giovani.