Vuoi la tua pubblicità qui?
07 Dicembre 2022

Pubblicato il

Occupazioni e proteste

Scuola, studenti romani organizzano prima assemblea pubblica movimento della “Lupa”

di Redazione
Il movimento della Lupa dall'inizio dell'anno scolastico ha dato vita a un'ondata di proteste e occupazioni che non si vedeva da anni
movimento studentesco della lupa
Movimento studentesco della Lupa

Sono centinaia gli studenti e le studentesse di Roma riuniti ad Acrobax, il centro sociale di via della Vasca Navale, per la prima assemblea pubblica del movimento studentesco della ‘Lupa’, che dall’inizio dell’anno scolastico ha dato vita a un’ondata di proteste e occupazioni che non si vedeva da anni.

Gli obiettivi

Il loro obiettivo, dopo due anni di pandemia in cui la scuola e le loro vite sono state sacrificate, è ormai chiaro: vogliono essere ascoltati dalle istituzioni, vogliono che i fondi del Pnrr vengano usati per risolvere i problemi strutturali della scuola, vogliono un modello scolastico che metta al centro le loro esigenze. E non sono disposti ad accontentarsi delle “briciole che il governo ha destinato alla scuola e alla sua risposta puramente repressiva delle nostre rivendicazioni”, come dice uno studente del Manara.

Per questo, dopo la pausa natalizia, oggi si sono ritrovati per decidere le prossime mosse. “Questo movimento non può finire qui – dice uno studente – perché dopo 60 istituti occupati a Roma, dopo mesi di scioperi, analisi e proteste, l’unica risposta risposta delle istituzioni è stata la gravissima lettera di Pinneri (il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale del Lazio, ndr), che invitava alla massiccia repressione di ogni forma di lotta”.

Denunce e misure disciplinari

Sono molti, infatti i ragazzi e le ragazze che denunciano “un accanimento di procedure penali e disciplinari“, in seguito alle loro azioni di protesta. “Io mi sono beccato una denuncia penale e 16 giorni di sospensione – dice uno studente – sono in quinto e mi sto rischiando l’anno, è una situazione pesante, ed è la stessa di tantissimi compagni del movimento.

Allargare la lotta a tutto il Paese

Siamo studenti che stanno lottando per una scuola migliore, per una società migliore, non è giusto che veniamo criminalizzati in questo modo”. Dopo un lungo applauso, l’assemblea riprende. “Questa risposta delle istituzioni dimostra la loro debolezza – dice una studentessa – è il momento di allargare la lotta romana a tutto il paese, per questo dobbiamo invitare tutte le organizzazioni studentesche italiane alla grande assemblea nazionale del 5 e 6 febbraio, è l’unico modo per farci sentire da questo governo che si ostina a non ascoltarci”.

È forte il loro sentimento di appartenenza, come l’ambizione di guardare oltre la loro condizione generazionale. “Non dovrà essere solo un’assemblea nazionale degli studenti- rilancia un altro studente- ma dobbiamo intercettare il malcontento generale, che colpisce in primo luogo la nostra generazione, ma non solo.
Dobbiamo coinvolgere la componente universitaria, i lavoratori precari, le altre lotte del territorio“.

Non solo studenti del centro di Roma

Non ci sono solo gli studenti e le studentesse del centro di Roma: sono venuti da Tor Bella Monaca, da Monterotondo, da Pomezia per condividere le loro rivendicazioni e i loro disagi, evidenziati da un rientro a scuola che definiscono “catastrofico”. “Stiamo rientrando a scuola in un clima di pura propaganda – accusa uno studente del ‘Morgagni’- ma in realtà non è stato fatto niente, non ci hanno neanche fornito le mascherine ffp2 o un minimo tracciamento, per non parlare dei problemi strutturali che non sono stati neanche sfiorati e che ci costringeranno tutti, di nuovo, alla didattica a distanza”.

“Alla scuola solo briciole”

“Col Pnrr hanno dato briciole alla scuola – dice un altro studente – e solo per quello che interessa loro: adeguare sempre di più la scuola alle leggi del mercato. Parlano di digitalizzazione, mentre gli edifici cadono a pezzi, hanno previsto un investimento massiccio sui Pcto (ex alternanza scuola-lavoro, ndr), a cui siamo obbligati senza avere la minima tutela dei diritti sul lavoro”.

“Un altro mondo è possibile”

Verso la fine, dopo due ore di interventi, qualcuno punta più in alto. “I movimenti studenteschi degli anni ’60 e ’70 pensavano che il mondo potesse cambiare – dice uno studente del ‘Tacito’ – noi invece siamo costretti a un’eterna incertezza. Non lasciamoci scappare questa scintilla, dobbiamo farla diventare più grande, c’è bisogno di una rivoluzione a livello cognitivo, culturale, generale. Dobbiamo risvegliare una coscienza in tutti gli studenti, contro questo sistema che non ci vuole esseri pensanti.
Per tornare a sperare che un altro mondo è possibile”.

 

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo