Vuoi la tua pubblicità qui?
12 Luglio 2020

Pubblicato il

Sforamento emissioni elettromagnetiche

di Redazione

Elemedia, propretaria dell'emittente radiofonica M2O, condannata a pagare la sanzione

Elemedia S.p.a, proprietaria dell’emittente radiofonica denominata M2O, dovrà versare al Comune di Rocca di Papa la somma di 11.372 euro. A dirlo è anche la sentenza numero 1697/2012 del Tribunale di Velletri che ne ha rigettato il ricorso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La sanzione amministrativa era stata applicata per aver superato, al momento dell’accertamento eseguito dall’Arpa Lazio il 14 settembre 2012 su sollecito dell’Amministrazione comunale, i valori di attenzione per esposizione delle abitazioni e della popolazione a radio frequenze, fissati a 6 V/m.
Al momento dell’accertamento la frequenza 90,50, dalla quale trasmette M2O, posizionata in località Madonna del Tufo, misurava un campo elettromagnetico pari a 7 V/m. Visto il verbale di accertamento notificato dal Comando di Polizia locale del 29 ottobre, la società si è avvalsa, nei termini prescritti, della facoltà di audizione da parte del sindaco Pasquale Boccia, in qualità di autorità territoriale competente. Dopo ampia e attenta discussione, la richiesta di archiviazione presentata dalla società è stata rigettata. E anche il Tribunale ordinario di Velletri, lo scorso 18 dicembre, ne ha rigettato il ricorso.

Vuoi la tua pubblicità qui?

“E’ un risultato importante – commenta il primo cittadino -, che premia l’impegno assiduo e la posizione drastica che abbiamo assunto contro l’inquinamento ambientale derivante dalle centinaia di tralicci di trasmissione radiotelevisiva che insistono abusivamente sul nostro territorio. Il fatto che un organo di giustizia amministrativa ci abbia dato ragione, condannando l’emittente al pagamento della sanzione comminata, è un passo avanti decisivo verso la sostanziale riduzione dei tralicci e la riduzione a conformità di tutte le emissioni per la salvaguardia della salute di tutti i cittadini”.
Altre due sono le emittenti sanzionate a seguito del controllo da parte dell’Arpa Lazio e che hanno già provveduto al pagamento.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi