Pubblicato il

Sinner a Sanremo 2024? Binaghi: “Sarei deluso se Jannik andasse”

di AdnKronos
Vuoi la tua pubblicità qui?

(Adnkronos) – Jannik Sinner al Festival di Sanremo 2024? Meglio di no, secondo il presidente della Fitp, Angelo Binaghi, che oggi ha accompagnato il vincitore degli Australian Open 2024 e gli azzurri campioni in Coppa Davis a Palazzo Chigi, per l'incontro con la presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Sinner, come è noto, ha ricevuto un invito pubblico da Amadeus. "Se Jannik andasse a Sanremo sarebbe una delusione. Tutti andrebbero, ma lui è diverso e parlo contro i miei interessi perché Sinner a Sanremo sarebbe una grande promozione per noi", dice Binaghi a margine della presentazione del rapporto Sport 2023 al Foro Italico. "Anche la Meloni gli ha detto che dovrebbe andare ma va protetto da tutti: da dirigenti perché non va strumentalizzato. Dai giornalisti e anche da Sanremo, mi ci metto io a petto nudo se serve. Se tutti insieme vogliamo una scrivere storia diversa dobbiamo proteggerlo", aggiunge. La posizione di Binaghi è in linea con quella che molti appassionati esprimono su X: Sinner, dicono e scrivono in tanti, non deve andare a Sanremo. Lo stesso giocatore, d'altra parte, al Corriere della Sera dopo il trionfo a Melbourne ha espresso la propria opinione chiara: "Sanremo? Devo giocare a tennis, io". Intanto, il numero 4 del mondo è reduce dall'incontro a Palazzo Chigi. "Quello con la premier Meloni è stato un bellissimo incontro. C'è stato un lungo confronto tra due persone con grande personalità e intelligenza seppur di generazioni differenti. Due forti personalità vincenti. Io facevo da arbitro", prosegue Binaghi: "Arrivo dall’altro capo del mondo, c'è un livello di popolarità raggiunto che non avrei mai immaginato. Non si può lasciare più Jannik da solo. Lui è un personaggio molto positivo anche al di fuori del tennis e dello sport. Alla premier Meloni ho detto che è uno straordinario strumento per trasmettere concetti positivi alle nuove generazioni soprattutto. È un italiano diverso dallo stereotipo al quale siamo abituati", dice ancora.  —[email protected] (Web Info)

Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?