Vuoi la tua pubblicità qui?
30 Gennaio 2023

Pubblicato il

Aggiornamento

Strage di Fidene, il killer Campiti interrogato ha ammesso le sue responsabilità. I particolari

di Redazione
"Esasperato da condotte 'mafiose' tenute da anni a mio danno", ha detto il pluriomicida durante l'interrogatorio
Carabinieri intervenuti nella strage di Fidene, Roma
Fidene, luogo della tragica sparatoria dove sono decedute tre donne

L’autore della sparatoria di Fidene a Roma, Claudio Campiti nel corso dell’interrogatorio “ha ammesso le proprie responsabilità spiegando di essere esasperato dalle condotte ‘mafiose’ tenute da anni in suo danno dagli organi deliberanti del Consorzio, come descritto nel blog”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Questo quanto emerge dall’ordinanza di convalida del fermo e di applicazione della misura cautelare in carcere disposta dal gip di Roma Emanuela Attura nei confronti del 57enne che domenica mattina ha ucciso a colpi di pistola quattro donne e ferito due persone durante una riunione del consorzio in un gazebo di via Monte Gilberto.

“Con riguardo ai futili motivi, la spinta criminale del Campiti ha trovato impulso in un rancore e risentimento covati negli anni in ragione di un contenzioso con il ‘Consorzio Valleverde’, circostanza peraltro pienamente ammessa dall’indagato in sede di interrogatorio”, scrive il gip di Roma Emanuela Attura nell’ordinanza. (Adnkronos)

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo