Pubblicato il

TPL. Aggressioni autisti bus, Sindacati: isolare il posto guida e chiusura totale delle cabine

di Redazione
"Siamo convinti della grande utilità di un luogo di analisi e di elaborazione di linee guida per contrastare le aggressioni"
Controllori e guardia giurata su bus Atac
Controllori e guardia giurata su bus Atac
Vuoi la tua pubblicità qui?

“Questa mattina (10 gennaio 2024, ndr) abbiamo partecipato a un incontro, convocato dalla Prefettura, per individuare soluzioni a contrasto di un fenomeno inaccettabile, sempre più grave e frequente: quello delle aggressioni ai danni degli autisti e del personale frontline del Trasporto Pubblico Locale, lavoratori che ormai svolgono la loro attività temendo per la propria salute e incolumità.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Tavolo permanente a tutela dei lavoratori

Siamo consapevoli del fatto che non esiste una ‘bacchetta magica’ per far scomparire il problema, ma proprio per questo serve un impegno costante, ostinato e capillare: abbiamo richiesto la costituzione di un Osservatorio, ovvero di un tavolo permanente che abbia ruolo di monitoraggio, consultazione, confronto e proposta a tutela dei lavoratori, ottenendo la disponibilità del Comune di Roma e della Prefettura, che abbiamo apprezzato e di cui siamo soddisfatti”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

E’ quanto si legge in un comunicato della Filt-Cgil Roma e Lazio, della Fit-Cisl Lazio, della Uil Trasporti Lazio e UglFna, in cui si aggiunge che “il primo passo che abbiamo compiuto oggi è importante: siamo convinti della grande utilità di un luogo di analisi e di elaborazione di linee guida a contrasto del fenomeno delle aggressioni.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Proposte dei Sindacati

Per parte nostra, servirebbe innanzitutto l’isolamento del posto guida sui bus, con la chiusura totale delle cabine – misura, questa, che a quanto ci risulta è ormai applicata o richiesta a gran voce in tutto il mondo – e con la dotazione ai lavoratori di strumenti di autodifesa. Anche la tecnologia potrebbe, a nostro parere, fare la differenza, attraverso l’utilizzo di body cam, di impianti di videosorveglianza e allarme, di strumenti di monitoraggio da remoto dei bus e di contatto diretto con le Forze dell’ordine.

In questo contesto, sarebbe utile studiare e applicare le best practice presenti sul territorio nazionale e nel mondo: ad esempio, recentemente è stata applicata, nel Nord Italia, una ‘app’ che permette ai capitreno di localizzare, a bordo dei mezzi, eventuali appartenenti alle forze dell’ordine. In Canada è stata invece sperimentata con successo, in passato, la presenza di assistenti sociali sui bus e, in Italia, la disposizione di due guardie giurate sui mezzi o in prossimità delle fermate.

Inasprimento pene, Daspo urbano

Riteniamo importante che siano analizzate le linee, gli orari e le aree che presentano maggiori criticità e che dovrebbero essere oggetto di particolare attenzione da parte delle forze di sicurezza locale”. “In ultimo, ma non per ordine di importanza – conclude la nota – si deve, a nostro parere, intervenire con un inasprimento delle pene e con una sorta di DASPO urbano per gli aggressori, prevedere corsi di formazione per i lavoratori su questi temi e campagne di comunicazione e sensibilizzazione, anche tramite cartellonistica a bordo dei mezzi”.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo

Vuoi la tua pubblicità qui?