Vuoi la tua pubblicità qui?
10 Giugno 2021

Pubblicato il

Campagna vaccinale

Vaccini, Staiano: boom di prenotazioni per i giovani, c’è consapevolezza

di Livia Maccaroni

"I pediatri di famiglia sono i professionisti più giusti per i vaccini, perché esiste un rapporto di lunga durata con le famiglie e i giovani"

vaccini giovani
Vaccino anti Covid

“Sono rimasta colpita dalle notizie che riportano un boom di prenotazioni delle vaccinazioni anti Covid-19 per i ragazzi al di sopra dei 12 anni. Sono convinta che ci sia una diffusa consapevolezza, tanto da parte dei genitori quanto da parte dei giovani, che l’unica certezza per ritornare a una vita normale e per un rientro a scuola in sicurezza sia rappresentata proprio dai vaccini”. A rilasciare tale dichiarazione è la presidente della Società italiana di pediatria (Sip), Annamaria Staiano, nel corso dell’intervista sull’apertura delle vaccinazioni per la fascia d’età 12-15 anni a “Unomattina in famiglia”.

Il De Lellis di Rieti

I numeri parlano chiaro: all’ospedale de Lellis di Rieti il “Junior Open day”, la prima giornata in cui sono stati vaccinati contro il coronavirus i ragazzi di età compresa tra i 12 e i 16 anni, ha ottenuto uno straordinario successo, registrando il “tutto esaurito”. Un’anteprima della campagna per i giovanissimi, che nel Lazio aprirà ufficialmente a partire dal 16 giugno.

La presidente Sip dimostra la sua piena fiducia nell’andamento della campagna di immunizzazione e coglie l’occasione per ricordare ai più giovani tre dei motivi per i quali la prevenzione vaccinale è essenziale: “Innanzitutto per una protezione individuale, perché se è vero che le manifestazioni cliniche da Covid-19 nei ragazzi sono lievi ed è anche vero che i decessi sono rari, comunque non li possiamo escludere.

Vuoi la tua pubblicità qui?

La campagna di immunizzazione

Il secondo motivo è una protezione generale. Dobbiamo aumentare l’immunità di gregge, dobbiamo bloccare la diffusione del virus ed evitare lo sviluppo di altre varianti”. E poi il terzo motivo “che penso sia quello più importante: dobbiamo ridare ai ragazzi la possibilità di un ritorno alla vita normale, la possibilità di riprendere la loro vita quotidiana in sicurezza, per se stessi e per gli altri”.

Vuoi la tua pubblicità qui?

E su chi dovrà somministrare i vaccini, la Staiano non ha dubbi: “Penso che i pediatri di famiglia siano i professionisti più appropriati -evidenzia- perché esiste un rapporto fiduciario di lunga durata con le famiglie e i ragazzi stessi. Quindi proprio i pediatri possono trasmettere quelle certezze necessarie per dirimere ogni forma di dubbio”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento