Vuoi la tua pubblicità qui?
04 Luglio 2020

Pubblicato il

Viabilità di Colle Mattia

Lettera congiunta rivolta al sindaco di Roma Gianni Alemanno e all’assessore alla mobilità Antonello Aurigemma da parte dei sindaci di Monte Porzio Catone e Monte Compatri

I sindaci di Monte Porzio Catone e Monte Compatri, hanno sollecitato un tempestivo intervento per l’urbanizzazione dell’area a ridosso della stazione di Colle Mattia, precisamente di quella che insiste su via di Monte Mellone. La richiesta sottolinea in particolare la necessità di realizzare posti auto a servizio della stazione ferroviaria di Colle Mattia.

I pendolari, sin dalle prime luci dell’alba, hanno l’abitudine di parcheggiare le proprie autovetture lungo i marciapiedi di Via di Vigne di Colle Mattia, andando a compromettere la viabilità di via Frascati Colonna e Via Casilina e causando problemi di transito per i bus del trasporto pubblico urbano su via di Vigne di Colle Mattia, a danno dei comuni di Monte Compatri e Monte Porzio Catone.

“Anche se – spiega il sindaco Luciano Gori – la stazione di Colle Mattia è al di fuori dei confini comunali, è chiaro ed evidente che l’efficientamento della stessa porterebbe immensi benefici anche ai residenti di Monte Porzio Catone, per questo ho deciso di sottoscrivere la lettera con l’amico Marco De Carolis, sindaco di Monte Compatri”.

Il Sindaco di Monte Porzio Catone ancora una volta è al centro di iniziative comprensoriali, nella convinzione che solo il superamento del campanilismo può portare ad una visone più organica ed innovativa del territorio.

“Con i comuni limitrofi – conclude il Sindaco – condividiamo il nostro patrimonio agro silvo pastorale e culturale, così condividiamo le problematiche legate alla viabilità e allo sviluppo economico, per finire con il nostro Distretto Sanitario che deve dare risposte comuni per i più bisognosi, lo sviluppo dei nostri vicini è anche il nostro sviluppo… come ci fece osservare Vincenzo Monti: se Atene piange, Sparta non ride”.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento

Condividi